Sport

Chieti L'Aquila 1-0: pagelle|De Patre lascia la panchina neroverde

Successo dal sapore amaro per i teatini che abbandonano i sogni promozione dopo una stagione a tratti entusiasmante. A fine gara l'allenatore Tiziano De Patre ringrazia società e calciatori e annuncia il suo addio

Il gol di Capogna non è bastato al Chieti per accedere alla finale promozione. Serviva una vittoria con due reti di scarto, a Pepe e compagni, per garantirsi l'ultima decisiva sfida contro il Teramo vittorioso ad Aprilia nell'altra semifinale. Clima di grande delusione a fine gara tra i giovani calciatori neroverdi che ci tenevano a dar lustro a una stagione comunque positiva, se si pensa all' età media bassissima della rosa a disposizione di mister De Patre e del budget ridotto, rispetto alle dirette concorrenti, utilizzato per formarla in estate.

Subito dopo il match, l'allenatore Tiziano De Patre ha comunicato che il prossimo anno non siederà sulla panchina dei teatini. Il tecnico giuliese ci ha tenuto a ringraziare “la società, lo staff tecnico e i calciatori” con cui, aggiuge, “ho vissuto una stagione intensa e bellissima che non riuscirei a ripetere nella prossima stagione”.

PAGELLE

CHIETI (4-3-1-2) Cappa 6,5; Bigoni 7, Pepe 6,5, Gigli 6, Gandelli 6 (dal 34’ s.t. Di Filippo ng); Cardinali 6,5, Vitone 6, Del Pinto 6; Berardino 6 (dal 18’ s.t. Mungo 6,5); De Sousa 7, Capogna 7 (dal 24’ s.t. Alessandro 6). (Savut, Verna, Rinaldi, Rossi). All. De Patre 6,5

L’AQUILA (4-3-3) Testa 6; Petta 6, Pomante 6,5, Ingrosso 6,5, Rapisarda 5,5; Menicozzo 6, Carcione 6,5 (dal 37’ s.t. D’Amico ng), Iannini 7; Ciotola 6,5 (dal 14’ s.t. Triarico 6), Infantino 6,5 (dal 32’ s.t. Ripa ng), Improta 6. (Leuci, Gizzi, Ligorio, Colussi). All. Pagliari 6

ARBITRO Ghersini di Genova 6

RETE: Capogna 19'.

NOTE spettatori 1949. Ammoniti Menicozzo, De Sousa, Ciotola, Gandelli, Ingrosso. Angoli 3-8. Recupero: st 4'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti L'Aquila 1-0: pagelle|De Patre lascia la panchina neroverde

ChietiToday è in caricamento