Il cambio in panchina non giova al Chieti, che perde contro il Campobasso

L'arrivo di mister Di Meo non riesce a invertire la tendenza negativa: un gol a inizio secondo tempo è fatale per i neroverdi

Non è bastato l'avvicendamento in panchina a far guadagnare tre punti al Chieti calcio, che oggi a Ortona ha ospitato il Campobasso. Si sperava che l'arrivo di Pino Di Meo, dopo l'esonero di mister Alessandro Grandoni, arrivato domenica scorsa dopo quattro sconfitte in cinque incontri, potesse risollevare le sorti dei neroverde. 

E, invece, nulla di nuovo sotto il sole nell'anticipo del sabato, mentre la classifica è impietosamente ferma a 11 punti. I molisani hanno avuto la meglio grazie a una rete di Alessandro all'inizio della ripresa. Non è bastato, per i neroverdi, tenere bene il campo per la prima porzione perché nel secondo tempo il vantaggio del Campobasso ha rischiato di raddoppiare. E non è stato sufficiente il nuovo arrivato Meola, arrivato in settimana e subito titolare. 

Di Meo ha schierato un 4-2-3-1: Camerlengo in porta; difesa composta da Fantauzzi, Brattelli, Venneri e capitan Ricci; a centrocampo la coppia Meola-Bacigalupo; in avanti il trio Bruschi, Catalli, Paneccasio, alle spalle dell’unica punta Traini.

La cronaca della gara si apre al 18’ con una conclusione di Buschi da 20 metri, troppo debole per impensierire il portiere ospite. Dopo 5 minuti è ancora il Chieti a provarci dalla distanza con Bacigalupo, che per poco non riesce ad andare a segno, visto che Natale in un primo momento manca la presa. 

Il Campobasso prova a controllare la gara per poi ripartire in velocità. Proprio da un contropiede nel finale di primo tempo i lupi vanno vicinissimi al vantaggio con Cogliati, che riceve un ottimo assist da Alessandro, ma il suo diagonale termina di un soffio al lato. A inizio ripresa, il Campobasso prova subito ad affondare il colpo con una conclusione dal limite di Bontà, sulla quale Camerlengo è bravo a bloccare a terra.

Due minuti dopo si crea una mischia in area molisana. Serie di batti e ribatti, infine la conclusione di Bacigalupo è respinta da un difensore ospite. Al 10' del secondo tempo arriva il gol partita. Ottima iniziativa di Zammarchi sulla destra, che salta due difensori e calcia forte a centra area: fatale è un errore di Camerlengo, che si lascia sfuggire la sfera. A quel punto, Alessandro come un rapace sigla il vantaggio per gli ospiti.

Al 18’ è lo stesso Zammarchi ad andare vicino al raddoppio, ma il suo destro è deviato in angolo. Il Campobasso ha almeno un altro paio di occasioni per raddoppiare, mentre i neroverdi faticano a costruire gioco e non vanno oltre una conlclusione defilata di Traini. La gara termina così 0-1.

È la terza sconfitta consecutiva per i neroverdi sempre più in caduta libera. Mentre dalla tribuna, i tifosi neroverdi arrivati in circa 300 gridano "Meritiamo di più". 

TABELLINO

Chieti (4-2-3-1): Camerlengo, Fantauzzi (31’st Marzola), Brattelli, Meola, Venneri, Ricci, Paneccasio (19’st Tacchi), Bacigalupo, Traini, Catalli (28’st Gautieri), Bruschi (19’st Bruni). A disp. Galante, Mancini, Di Marco, Lupo, Mazzolli. All.: Pino Di Meo

Campobasso (4-3-3): Natale, Fabriani, Vanzan, Pizzutelli (38’st Brenci), Menna, Dalmazzi, Bontà, Candellori, Cogliati, Alessandro (47’st Giampaolo), Zammarchi (44’st Tenkorang),. A disp. Tano, Pistillo, Sbardella, La Barba, Energe, Nsambe. All.: Mirko Cudini
Direttore di gara: Cusumano di Caltanissetta (Vagheggi – Dervishi)

Rete: 55’ Alessandro

Ammoniti: Menna (Cb), Bruni (Ch), Alessandro (Cb)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sant'Anna piange Pierluigi Orsini, oggi i funerali

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • Lanciano in lutto per la scomparsa del dottor Brasile, morto durante l'escursione sulla Majella

  • Era originario di Lanciano uno dei due escursionisti morti sulla Majella

  • Incidente in A14: nove mezzi coinvolti, tratto chiuso tra Francavilla e Chieti

  • Pugilato, la vittoria di Alessio: "Ho sconfitto la leucemia, non bisogna perdere la speranza"

Torna su
ChietiToday è in caricamento