menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chieti Calcio, la nuova società si presenta: “Puntiamo alla vittoria del campionato”

Nella conferenza stampa di questa mattina allo stadio Angelini il nuovo proprietario Giorgio Pomponi ha illustrato gli obiettivi per la prossima stagione. In precedenza Walter Bellia ha ricordato gli anni di presidenza

In una sala stampa affollatissima si è tenuta questa mattina la conferenza di presentazione della nuova società neroverde. Tanti i tifosi presenti allo stadio Angelini, curiosi di conoscere di persona il nuovo patron della squadra teatina, Giorgio Pomponi. L’incontro si è aperto con la lettura di un comunicato da parte degli “Ottantanove mai domi” che hanno portato le loro richieste alla nuova società. Quattro i punti individuati dagli ultras neroverdi: totale discontinuità con la passata gestione; un garante da nominare assieme all’amministrazione comunale che controlli la chieti calcio e la propria tifoseria: incontri ciclici dirigenza-cittadinanza per rendere trasparente e chiara la gestione societaria; domanda di ripescaggio o vittoria del campionato.

Dopo i tifosi è la volta dell’ex patron Walter Bellia che ha salutato gli sportivi teatini ripercorrendo gli anni di presidenza. “Tante emozioni e successi non possono essere cancellati dalla mia memoria – dice Bellia – così come gli errori, primo tra tutti il non aver riconfermato Battisti e Di Giampaolo. Da lì in poi è iniziata una fase negativa culminata con la retrocessione in serie D; una retrocessione che mai avrei voluto”.

Nonostante le tante critiche l’ex presidente del Chieti raccoglie comunque applausi da una parte del pubblico presente. La palla passa a Giorgio Pomponi capo della cordata romana che ha acquisito il titolo sportivo Chieti Calcio.

“Il primo obiettivo – spiega Pomponi – è riacquistare la fiducia dei tifosi. Garantisco il massimo del lavoro e poche chiacchiere. Puntiamo alla vittoria del campionato e al ritorno, quindi, in serie C per meriti sportivi. Due sono i punti saldi del mio progetto: per prima cosa creare un settore giovanile che va dalla scuola calcio alla primavera. Non è possibile che una città come Chieti non dia la possibilità ai ragazzi di giocare con la maglia della propria città”. “Il secondo punto – conclude Pomponi -  è noto e si riferisce alla gestione dello stadio per la realizzazione di eventi  e concerti per creare sinergie e attirare sponsor”.

La speranza della città è vedere questi progetti realizzati e tornare a vedere la propria squadra calcare palcoscenici più importanti. Di sicuro, come espresso con forza nel comunicato della tifoseria, ci vorrà il massimo impegno da parte di tutti (società-tifosi-amministrazione comunale) e remare insieme nella stessa direzione.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento