rotate-mobile
Sport

Chieti calcio, Bellia: "si apre un nuovo ciclo"| Presentato lo staff neroverde

Presentato del nuovo staff tecnico e dirigenziale della formazione teatina. Prima uscita pubblica per il tecnico Di Meo e il Direttore Sportivo Sandro Federico

E’ terminata da poco la conferenza stampa di presentazione del nuovo staff della Chieti Calcio. Presentati alla città il neo tecnico Pino di Meo e il Direttore Sportivo Sandro Federico. Presenti anche il nuovo allenatore dei portieri Emilio Tuccella e il secondo allenatore Antonio Dell’Oglio.

La prima conferenza di stagione è stata aperta dal patron neroverde Walter Bellia che ha esordito  puntualizzand: “Oggi  si chiude un ciclo durato cinque anni. E’ stato un periodo importante e bellissimo, in cui si partiva ogni anno per conquistare la salvezza per poi puntualmente ritrovarci a lottare ai vertici della classifica. Ringrazio Alessandro Battisti e Di Giampaolo per questo ed auguro loro le migliori fortune. Purtroppo tutti i cicli hanno un inizio e una fine; volevo continuasse ma non è stato possibile”.

Messosi il passato alle spalle, il Presidente del sodalizio teatino ha spiegato che “ora inizia una nuova era con un nuovo direttore sportivo, un nuovo allenatore e, visto l’addio del gruppo storico, con un nuovo manipolo di ragazzi che calcheranno il terreno di gioco con la casacca neroverde.” Volevo dare una nuova immagine alla Società per questo ho scelto persone che ritengo essere dalle spiccate doti umane oltre che dei validissimi professionisti”.

Il Presidente è tornato poi sulle polemiche estive: “In passato ho commesso degli errori non sono stato un punto di riferimento per tutti e forse ho trascurato la squadra ma dalla mia ho delle responsabilità anche verso le mie aziende a cui ovviamente non posso sottrarmi. L’incontro con gli ultras di lunedì scorso è stato molto costruttivo. Ho detto loro che sarò disponibile ad incontrarli di nuovo durante l’arco della stagione.  Sarà un campionato difficilissimo con tante retrocessioni e grandi squadre da affrontare. Potremo essere ai vertici solo attraverso un lavoro d’equipe e se non ripeteremo gli errori fatti in passato”.  Poi si è rivolto ai tifosi: “l’unica promessa che posso fare è che allestiremo una squadra competitiva, lo faremo con criterio e oculatezza. Se sono rimasto in sella a questa società è perché ho voglia di vincere, amo Chieti e non potevo permettere che questa squadra finisse in mani di persone poco affidabili e senza scrupoli.”

Poi è stata la volta del neo allenatore Pino Di Meo: ha fama di duro il tecnico originario di Trani. Di Meo ha esposto al pubblico il suo credo fatto di “impegno massimo, sacrificio e umiltà".

"Sono un uomo di campo: mi piace fare i fatti più che parlare" ha accennato. Rivolgendosi poi a Società e tifoseria ha anche detto: “Se tutti insieme remeremo nella stessa direzione, sono convinto che quest’anno ci toglieremo grosse soddisfazioni.”

Il successore di Alessandro Battisti, il nuovo Direttore Sportivo (di origini teatine) Sandro Federico ha concluso dicendo: “Torno a casa e per questo sono emozionato. Il presidente mi ha dato una grande possibilità, una proposta irrinunciabile e farò tutto il possibile per ripagarlo. Lo devo alla mia città. Sono e siamo convinti di poter fare un campionato straordinario in questo che sarà un anno particolare per la categoria. Abbiamo voglia di scrivere la Storia e rimanere nel futuro campionato unico di serie C.  Il mister è un trascinatore, lo conoco bene ed è per me un fattore in più di convinzione nei nostri mezzi. Avanti tutti insieme!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti calcio, Bellia: "si apre un nuovo ciclo"| Presentato lo staff neroverde

ChietiToday è in caricamento