rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Calcio

La lettera del patron Ettore Serra al popolo neroverde

A cavallo tra 2023 e 2024, il numero 1 di casa Chieti si rivolge ai tifosi

Chiuso il 2023, il 2024 in casa neroverde si aprirà con la sfida interna all'Atletico Ascoli, valida come prima giornata del girone di ritorno in Serie D. A cavallo tra vecchio e nuovo anno solare il patron del Chieti Calcio, Ettore Serra, ha scritto una lettera al popolo teatino che vi riportiamo integralmente:

Cari tifosi,

siamo arrivati alla fine del girone di andata della stagione 2023/24, ed abbiamo 4 punti di distanza dalla capolista.

Rispetto all’anno precedente il Chieti F.C. 1992 è cresciuto sia calcisticamente, alzando il livello tecnico della propria rosa, che dal punto di vista societario, con l’inserimento di numerosi collaboratori. 

Importanti sforzi economici ed organizzativi hanno permesso di svolgere un campionato fino ad oggi da protagonisti, e questo non accadeva da moltissimi anni, così come il raggiungimento di quota 920 abbonati. Siamo orgogliosi di essere riusciti durante la partita contro la Sambenedettese a portare allo stadio 4mila spettatori che ci hanno sostenuto e tifato per 90 minuti.  

Ci siamo presi carico da quest’anno di tutti i costi di gestione dello stadio Angelini in quanto il Comune vive un momento di difficoltà economica e si sarebbe rischiato di non poter più svolgere le partite nel nostro stadio. 

In questi giorni, come voi ben sapete, ho deciso di cambiare la guida tecnica e sono convinto di aver dato ai nostri calciatori un professionista qualificato, umile e ambizioso. Con Gennaro Iezzo sono sicuro che recupereremo il distacco dalla capolista per raggiungere l’obiettivo da noi tanto ambito.

A tutti i tifosi che ci sostengono – e sono tantissimi – sia allo stadio che fuori, chiedo di restare ancor più vicini alla società e alla squadra per poter raggiungere insieme il sogno. 

Ringrazio per l’ottimo lavoro svolto i miei direttori che quotidianamente risolvono i problemi sul territorio, sviluppando rapporti con la pubblica amministrazione e con il tessuto economico, al fine di far crescere questa società per prepararla ad un futuro da professionista. 

Ringrazio per l’impegno quotidiano anche tutti gli altri collaboratori: amministrativi, della comunicazione e marketing, sanitari e da campo che costantemente impegnano il loro tempo al fine che la squadra possa essere supportata per la partita della domenica.

Ringrazio tutti i miei ragazzi che hanno sposato l’ambizioso programma societario comportandosi con serietà e professionalità. 

Ringrazio mister Chianese e mister Pizii per il lavoro svolto fino ad oggi.

Ringrazio mia moglie e i miei figli per il sostegno costante che mi permette di svolgere serenamente le numerose attività giornaliere.

Ringrazio tutti i teatini che economicamente e sentimentalmente non mi fanno mancare il loro appoggio al fine che possa con lucidità e professionalità condurre al meglio questa società. Un ringraziamento speciale al tifoso Gianluca Troiano che allo Stadio Angelini non ci fa mai mancare il suo sostegno e l’amore per i colori neroverdi.

Un famoso personaggio scomparso poco tempo fa diceva: “Nella vita vi dovete porre dei traguardi sempre ambiziosi ed elevati in quanto chi ci crede combatte, chi ci crede supera tutti gli ostacoli, chi ci crede vince”. Questo deve essere il mantra del mio Chieti. 

Auguro un 2024 che possa portare tanta serenità, salute e felicità a tutti voi.

Ettore Serra

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lettera del patron Ettore Serra al popolo neroverde

ChietiToday è in caricamento