Calcio

Lanciano già sotto pressione: esonerato il ds Multineddu

Un punto nelle prime due giornate per la squadra di Gagliarducci. Fatale il ko al Biondi contro il Cupello, il presidente Pincione silura il direttore sportivo

Un punto in due partite. Ko all'esordio al Biondi contro la Virtus Cupello nella prima gara post Covid (non si giocava nello stadio cittadino dal 2019). Per il Lanciano è troppo poco. La società rossonera è già sotto pressione. Il presidente americano Max Pincione esonera il direttore sportivo Gianfranco Multineddu, un passato anche nel Pescara in serie C, e adesso mette in discussione, secondo i rumors cittadini, anche la panchina di Cristiano Gagliarducci. Multineddu dopo la sconfitta di domenica scorsa aveva rassegnato le proprie dimissioni, ma Pincione nelle ore successive aveva invece parlato di esonero del ds. Nell'ambiente si parla anche di possibili dimissioni del tecnico laziale.

In un caso o nell'altro, potrebbe essere decisiva la trasferta di domenica prossima (ore 15) a Giulianova contro la Torrese, una delle quattro prime della classe che hanno già messo in cassaforte 6 punti nelle prime due giornate. Al momento, la situazione bollente è nelle mani del direttore generale Paolo Iapaolo, uomo di fiducia di Pincione in città. Il nuovo Lanciano, però, ha bisogno di tempo per potersi compattare e adattare al campionato di Eccellenza abruzzese: la società è arrivata solo lo scorso mese di agosto e ha puntato prevalentemente su giocatori da fuori regione.

"Un nuovo ds? Vedremo, potremmo affidarci a consulenti esterni. Ora dobbiamo prima di tutto rinforzare qualitativamente e numericamente la rosa", ha detto Pincione parlando dell'addio a Multineddu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanciano già sotto pressione: esonerato il ds Multineddu

ChietiToday è in caricamento