rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Calcio

Pugno duro del Chieti Calcio contro gli odiatori seriali sui social: è polemica

Tramite comunicato, nei giorni scorsi il club neroverde ha reso pubblica una formale diffida contro i commenti diffamatori. Tolleranza zero

Tollerenza zero contro commenti lesivi dell'immagine dei tesserati neroverdi: il Chieti Calcio ha preso una posizione chiara. Ma non si fermano in città le polemiche intorno al sodalizio teatino, che in campo con la cura Luiso ha rialzato la testa. Nei giorni scorsi la società neroverde, tramite comunicato, ha reso pubblica la formale diffida a scrivere, anche su canali social, commenti offensivi e denigratori nei confronti della società, della dirigenza e della squadra. Una presa di posizione chiara e netta, con parole dure che vi riportiamo in calce con il comunicato integrale diramato dal sodalizio teatino, che ha portato, sempre sui social, ad aspre repliche anche dall'associazione Oltre il Centenario che sulla propria pagina Facebook ha diramato un contro-comunicato (consultabile qui).

Questa la nota del Chieti Calcio:

"La S.S. Chieti F.C. 1922,

Con il presente comunicato rende pubblica formale diffida, per quanto qui di seguito riportato.

Nelle ultime settimane, a causa dei risultati altalenanti della squadra e degli avvicendamenti in panchina, svariati tifosi hanno proferito in molteplici canali social commenti che sono evidentemente ed a dir poco offensivi e denigratori, nei confronti della società, della dirigenza e financo della squadra.

In taluni casi, molte frasi hanno espresso propositi palesemente minatori, nei confronti dei dirigenti della società, costringendo questi ultimi a dover svolgere il proprio lavoro senza la serenità necessaria e financo a dover adottare determinati accorgimenti nella propria vita personale.

Tali commenti hanno trovato ospitalità in gruppi social all’interno dei quali sono state prodotte affermazioni false e lesive della reputazione del Patron, del Direttore Generale e del Direttore Amministrativo : tali asserzioni, infondate ed offensive, hanno determinato un grave pregiudizio alle persone citate, in termini di lesione all’onorabilità ed all’integrità morale degli stessi, nonché all’immagine della società tutta.

Si precisa inoltre, laddove ancora non fosse chiaro, che tali commenti non hanno niente a che vedere con la libertà di espressione, o con il sentimento per la squadra da parte dei tifosi, e rientrano invece nella previsione del Codice Penale, quali condotte integranti i reati di diffamazione aggravata e/o minacce.

Ebbene, per quanto sin qui esposto, dunque, primariamente si intima a tutti i gestori, nonché amministratori, dei gruppi social, di rimuovere dalla propria pagina ogni commento offensivo e minatorio sin qui pubblicato.

Si diffida, inoltre, chicchessia dal pubblicare qualsivoglia commento anche vagamente diffamatorio nei confronti del Presidente e dei dirigenti: laddove le condotte sovracitate non dovessero trovare immediatamente interruzione, la S.S. Chieti F.C. non esiterà a rivolgersi senza indugio all’Autorità Giudiziaria.

Per la tutela della propria immagine e dell’onorabilità di tutti coloro che quotidianamente svolgono la propria attività con abnegazione personale e serietà professionale"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugno duro del Chieti Calcio contro gli odiatori seriali sui social: è polemica

ChietiToday è in caricamento