Pallacanestro Chieti, coach Sorgentone suona la carica INTERVISTA

"Ci attendono delle battaglie, squadra società e tifosi non possono regalare nulla a nessuno". A 48 ore dalla palla a due, l'allenatore biancorosso presenta la gara e fa le sue considerazioni sulla fase finale del torneo

Cresce l’attesa per BLS Chieti – EnoAgrimm San Severo, gara fondamentale per il campionato di entrambe le squadre. Nonostante la diretta nazionale su Sportitalia2, domenica alle 14 è prevista al PalaLeombroni una bella cornice di pubblico, per favorire la quale la società teatina ha fissato in 2 € il costo unico dei biglietti. A 48 ore dalla palla a due, l’allenatore biancorosso Domenico Sorgentone presenta la gara e fa le sue considerazioni sulla fase finale del torneo.
 

Coach, anche a Ferrara si sono visti episodi davvero “particolari”, quanto hanno inciso sull’esito della gara?
“Credo che sul lungo periodo la nostra rotazione esigua, unitamente alla vicinanza con la partita di Torino, ci abbia decisamente tagliato le gambe. Ma prima, quando la gara era assolutamente in bilico, i fischi senza metro l'hanno svoltata repentinamente. Non è la prima volta, purtroppo. Ricordo con assoluta nitidezza cinque o sei decisioni che ci hanno spinto ai supplementari contro Omegna ed Agrigento ed hanno invertito ciò che il campo stava dicendo nella trasferta di Reggio. In quest'ultimo caso, addirittura, siamo stati sanzionati con un'ammenda per intemperanze del pubblico teatino che, udite udite, non era minimamente presente alla partita. E' allucinante e credo che chi fa investimenti nel nostro sport abbia diritto a trattamenti molto più trasparenti e professionali”.

 

Classifica alla mano, i playout sembrano quasi inevitabili. Eppure in queste ultime 6 gare ci giochiamo tantissimo.
“Vero ma noi dobbiamo viverle una alla volta. Partiamo dall'idea che faremo i playout e giochiamo queste partite una per volta, alla fine faremo i conti. Peraltro ritengo decisivo arrivare ai playout nelle migliori condizioni psicofisiche possibili, e per far questo nelle prossime gare dobbiamo crescere gradualmente. Se così sarà saremo in grado di giocarceli fino in fondo. Su questo stiamo lavorando duramente e sono certo che il lavoro, come sempre, pagherà. Se poi saremo così bravi da evitare gli spareggi, vorrà dire che brinderemo in anticipo”.

 

Nel finale di stagione ogni incontro è una “battaglia” sportiva. Chieti è pronta alla bagarre?
“Non so se è pronta ma so che deve sforzarsi di esserlo. Certe partite, come stiamo vedendo, le gioca la squadra assieme ai propri dirigenti ed a tifoserie intere. Certe partite, come stiamo vedendo, si giocano in campo, sugli spalti ed anche nel corridoio degli spogliatoi. Sarà bene non regalare nulla a nessuno, perché non possiamo permettercelo”.

 

Contro la capolista Torino il pubblico del PalaLeombroni, solitamente piuttosto compassato, si è fatto sentire. Cosa vorresti chiedere, e cosa promettere, ai tifosi biancorossi?
“Prometto una sola cosa ed è la stessa che la mia squadra, lo staff ed io stesso non abbiamo mai disatteso: faremo, come abbiamo sempre fatto, tutto il nostro dovere ed anche di più per ottenere il massimo risultato possibile. Al pubblico dico che le "barriere architettoniche" del PalaLeombroni e le distanze dal campo rendono spesso vani i loro sforzi. Si può fare solo una cosa, moltiplicarli per due, per dieci, per cento se serve”.

 

Come si affronta San Severo, avversaria di domenica?
“Loro possiedono un enorme e diffuso talento offensivo, per cui non si potrà prescindere da una prestazione difensiva di primo livello. Bisognerà essere duri, attenti e compatti per limitare i tanti giocatori avversari con molti punti nelle mani. Dobbiamo sfoderare una prestazione lucida e di grande energia, e sono certo che lo faremo”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che notizie arrivano dall’infermeria?
“Buone relativamente ai normali decorsi, non buone per quanto riguarda la possibilità di u

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

  • Coronavirus: ci sono altri 39 positivi, la maggior parte sono migranti ospitati in Abruzzo

  • Applausi per Salvini, che scherza: "Ma qui si elegge il presidente della Repubblica?". Polemiche per gli assembramenti

  • Muore a 15 anni dopo lo schianto con lo scooter: terribile lutto a San Giovanni Teatino

  • Coronavirus: dopo i casi dei migranti di Gissi salgono a 19 i positivi in Abruzzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento