menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Nazionale, foto Figc

La Nazionale, foto Figc

Beach soccer, la nazionale riparte da Cheti: lunedì il primo raduno del 2019

Per lo stage in programma a Chieti da lunedì 18 a giovedì 21 febbraio il ct Emiliano Del Duca ha convocato 15 calciatori, confermando gran parte del gruppo che ha conquistato l'Europeo

Dopo un 2018 indimenticabile, che lo scorso settembre ha visto l'Italia laurearsi campione d'Europa sulla spiaggia di Alghero, la Nazionale di beach soccer si ritrova per il primo raduno del nuovo anno. Per lo stage in programma a Chieti da lunedì 18 a giovedì 21 febbraio il ct Emiliano Del Duca ha convocato 15 calciatori, confermando gran parte del gruppo che ha conquistato l'Europeo.

Ai 10 reduci del successo di Alghero si aggiungono Battini, Altobelli,Giordani, Percia Montani e Sciacca, quest'ultimo alla prima chiamata in maglia azzurra: "Sono contento di riabbracciare il gruppo dopo sette mesi - dichiara Del Duca - ci aspetta un calendario molto impegnativo e ho voluto questo raduno per dare il programma di lavoro ai ragazzi". Il primo impegno a maggio sarà con le qualificazioni ai World Beach Games, mentre a giugno e luglio l'agenda sarà densa di appuntamenti: si partirà con la 2a edizione dei Giochi Olimpici 
Europei a Minsk, poi spazio alle qualificazioni all'Euroleague e alla Coppa del Mondo.

A fine agosto sarà la volta dei Giochi del Mediterraneo e ai primi di settembre la Nazionale sarà chiamata a difendere il titolo europeo. A fine novembre in Paraguay il 2019 si chiuderà con l'evento più atteso:la Coppa del Mondo, primo Mondiale in assoluto nella storia del calcio paraguaiano a cui prenderanno parte cinque nazionali europee. "La 
speranza - auspica il Ct azzurro - è che con la conquista del titolo europeo i ragazzi abbiano preso piena coscienza del loro valore e che il successo di Alghero rappresenti solo un punto di partenza. Questa squadra dovrà sempre dimostrarmi di avere 'fame' e l'umiltà di migliorarsi perché soltanto attraverso il lavoro potremo toglierci altre soddisfazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento