rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Basket

Inizio 2024 e fine di girone d'andata coi fiocchi per la Lux Chieti Basket

Una cinica squadra teatina si impone con Taranto e mantiene inviolato il PalaTricalle al fotofinish grazie ad un super Paesano

Una Chieti tutto cuore ha la meglio contro una mai doma Taranto (81-80).

Il top scorer di serata è un superlativo Paesano (21 punti) ma sono ben 4 gli uomini in doppia cifra per coach Aniello (Maggio 19, Berra 14 e Reale 10).

Agli ospiti non bastano i 20 di un ottimo Reggiani.

Dopo un avvio con le polveri bagnate per entrambe le squadre, è Cena a sbloccare l’incontro dalla lunetta con un 1/2 dopo un minuto di gioco (1-0). La gara aumenta d’intensità, con Taranto che dopo aver giocato molto sotto le plance prova a correre e si porta sull’1-4 con il duo Kovachev-Fresno dopo poco più di 2 minuti di gioco. Ciribeni pareggia da oltre l’arco, Valentini realizza in penetrazione ma Paesano da sotto rimette il match in parità al giro di boa della prima frazione (6-6). Valentini si carica sulle proprie spalle il peso offensivo dei pugliesi, Paesano è lucido a cronometro fermo: Taranto prova a scappare con Ragagnin e la bomba di Reggiani ma Maggio in contropiede argina il break ospite (10-13) a 3 minuti da fine quarto. Reggiani dall’arco è una sentenza ma la Lux rientra con il duo Paesano-Ciribeni: a meno di 2 minuti da fine primo periodo, il parziale è di 15-16. La Lux perde qualche giro in attacco, Reggiani ne approfitta in contropiede e coach Aniello chiama timeout ad un minuto dal primo mini break(15-18). Paesano e Reale dalla lunetta provano a far riavvicinare Chieti, Ambrosin da sotto permette agli ospiti di chiudere il primo periodo sul 19-20.

Fresno fa 1/2 dalla lunetta, Reale pareggia dalla media: coach Cottignoli chiama timeout dopo un minuto di secondo quarto (21-21). Paesano, vero e proprio trascinatore dei biancorossi in questo avvio di match, scollina la doppia cifra di punti (ben 13 punti per lui) e, con il canestro dalla media di Maggio, i biancorossi volano sul + 5 dopo 2 minuti e mezzo di quarto (26-21). Thioune realizza dopo un buon pick’n roll, Berra colpisce da oltre l’arco ma Fresno e Valentini riportano Taranto a contatto (29-27 al giro di boa del secondo quarto). Berra realizza da sotto ma Fresno e Thioune costringono coach Aniello al timeout a 02:36 da fine quarto (31-31). La Lux esce galvanizzata dal minuto di sospensione e, con la tripla di Berra ed un vero e proprio show balistico di capitan Maggio (tripla + 3+1), questa volta è coach Cottignoli a chiedere il minuto di break, nonostante il canestro da sotto di Thioune (41-33 a 01:02 dall’intervallo lungo). Fresno da sotto rende il finale meno pesante per gli ospiti: al ventesimo, il parziale è di 41-35.

Reggiani e Kovachev provano a suonare la carica per la CJ, Cena e Maggio rispondono presente per i biancorossi: dopo un avvio blando, la gara cresce d’intensità e così, dopo 3 minuti e mezzo di quarto, il parziale è di 48-44. Taranto aumenta le proprie percentuali da oltre l’arco, la Lux prova a rispondere con Berra e Paesano ma gli ospiti, con il libero aggiuntivo di Valentini, pareggiano la contesa a 04:27 da fine quarto (53-53). Taranto è una macchina da guerra dalla mattonella pesante e, nonostante il bel fade-away di Cena, si porta avanti con Ambrosin a 03:44 dall’ultimo mini break (55-56). La Lux vuole la vittoria e, con Maggio e 5 punti di Reale, rimette il naso avanti e obbliga coach Cottignoli al timeout a 02:17 da fine terzo quarto (62-58). Paesano realizza dalla media, Fresno è indemoniato e consente a Taranto di accorciare (64-60 a 01:27 da fine periodo). Ciribeni e Reale dalla lunetta provano a far scappare Chieti, il buzzer beater dalla media di Ragagnin permette ai tarantini di chiudere sul 69-62.

Valentini realizza in contropiede, Maggio è glaciale dalla mattonella pesante ma il solito Fresno e Reggiani in penetrazione concedono nuova linfa all’attacco tarantino che accorcia sul 72-68 a poco meno di 3 minuti dall’avvio di quarto. Berra risponde presente da oltre l’arco ma Taranto ha sette vite e, con Thioune e la bomba di Ambrosin, coach Aniello non può far altro che chiamare timeout a 05:43 dal termine (75-73). Paesano realizza dalla media, Reggiani colpisce da oltre l’arco ma Cena in fade-away permette alla Lux di rifiatare (79-76 a 03:30 dal termine del match). I biancorossi sentono la stanchezza, Taranto ne approfitta e, con un break di Reggiani, rimette il naso avanti a 01:20 da fine gara (79-80). I teatini riescono ad uscire dall’impasse offensiva con un gancio spalle a canestro di Paesano: a 10 dal termine, sull’81-80, coach Cottignoli chiama timeout. Il tiro dall’angolo di Ambrosin è corto e così, sulla sirena finale, il pubblico teatino può festeggiare: al quarantesimo, il tabellone recita 81-80.

Queste le dichiarazioni di PAesano, MVP del match con  21 punti, 4 rimbalzi, ben 38 minuti sul parquet e tanta intensità:“Il coach ci aveva avvertito: sapevamo sarebbe stata una partita tosta, contro un avversario in fiducia dopo il successo contro Mestre. Sono davvero contento per la mia prestazione ma devo ringraziare tutta la squadra per l’impegno e la serietà con cui ci stiamo allenando e per quanto abbiamo fatto in campo”.

IL TABELLINO

Lux Chieti Basket 1974 – CJ Basket Taranto 81-80 (19-20; 41-35; 69-62)

Lux Chieti Basket 1974 81: Berra 14, Ciribeni 8, Cena 9, Paesano 21, Maggio 19, Reale 10, Gelormini NE, Masciopinto NE, Febbo 0, Leonetti NE.

CJ Basket Taranto 80: Ragagnin 4, Throne 10, Reggiani 20, Valentini 18, Ambrosin 8, Gigante NE, Fresno 16, Conte NE, Montanaro NE, Kovachev 4.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inizio 2024 e fine di girone d'andata coi fiocchi per la Lux Chieti Basket

ChietiToday è in caricamento