rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Altro

Nasce Pedale Rosa, la community del ciclismo femminile

La fondatrice è la teatina Valeria Zappacosta, 29 anni: “Pedale Rosa è un neonato progetto innovativo e dinamico, un movimento senza territorialità che mira a ramificarsi sempre di più in tutta Italia, unendo donne di qualsiasi età con la passione per le due ruote"

È nato tutto da una passione, quella per la bici, di Valeria Zappacosta, ciclista abruzzese di 29 anni. “Pedale Rosa è un leitmotiv, - afferma Valeria - un’idea che è già insita nella mente di ogni donna che inizia ad andare in bicicletta. Troverò mai la giusta compagnia? Troverò mai altre donne con la stessa passione ma soprattutto con cui condividere esperienze ed allenamenti? O sarò sempre circondata da un mondo di amatori, fatto principalmente di soli uomini?” Da qui la volontà e il desiderio di declinare questa passione femminile, creando una community di donne che amano pedalare. Pedale Rosa è un neonato progetto innovativo e dinamico, un movimento senza territorialità che mira a ramificarsi sempre di più in tutta Italia, unendo donne di qualsiasi età con la passione per le due ruote.

Importante è la presenza digitale dell’associazione che ha l’obbiettivo, non solo di condividere esperienze in bici ma anche di fornire consigli utili sull’allenamento, sull’alimentazione e sull’attrezzatura a chi si appresta alle prime pedalate.

“In primo luogo – spiega Valeria - abbiamo creato un sito internet con un’area riservata dove è possibile prendere parte a programmi di allenamento, itinerari di bikepacking e non solo. Successivamente abbiamo sviluppato una community, la cui mission è connettere cicliste! Per raggiungerla abbiamo sviluppato un network digitale sui maggiori social network e social di contatto come Telegram e Whatsapp e infine abbiamo sfruttato il potenziale di Strava per garantire un mezzo sicuro per l’organizzazione delle pedalate tra compagne della stessa community”

Da gennaio 2022 è stata avviata una collaborazione con Liv Cycling, marchio ciclistico che mette le donne in primo piano e unico marchio al mondo che produce bici e accessori a partire da dati scientifici relativi alla donna, per ottimizzare sempre di più l’esperienza in sella.

Tre sono i livelli associativi con i quali è possibile unirsi al progetto. “Livello training” è il livello base che garantisce l’accesso alle numerose attività organizzate dall’associazione: Group ride, tabelle di allenamento sia per principianti che per professionisti, bike camp ed eventi tematici. “Livello cycling kit” consente l’accesso a tutte le attività del livello training e garantisce la divisa brandizzata Pedale Rosa che offre la possibilità di prendere parte a shooting fotografici e attività social. Il livello “Team Race” è dedicato alle cicliste che vogliono mettersi alla prova in competizioni agonistiche e hanno quindi l’accesso al tesseramento UCI-FCI come ciclista amatore. A queste, è garantita la divisa ufficiale e supporto tecnico nella preparazione della stagione agonistica.

“La crescita di questo movimento – afferma Valeria - deve essere naturale e saremo noi donne a scrivere il percorso. Il mio compito in questi primi anni è quello di garantire un sentiero sul quale trovarci e camminare (pedalare, è il termine giusto ndr) insieme. Questo sentiero deve passare per il digitale, dobbiamo conoscerci e connetterci da remoto per trovarci in modo sicuro su strada. Gli obiettivi imminenti sono sicuramente la ricerca di sponsorship in un percorso non facile ma ricco di opportunità per tutti, al fine di fornire sempre più servizi alle nostre associate. Affianco al portale web, svilupperemo una squadra corse di sole donne che ci aiuteranno a dar voce alla community Pedale Rosa. Ci auguriamo che le nostre atlete siano sempre presenti alle manifestazioni sportive, a vari livelli (competitivo e non) per ribadire la presenza del mondo femminile nel ciclismo.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce Pedale Rosa, la community del ciclismo femminile

ChietiToday è in caricamento