rotate-mobile
Altro

Andrea Iannone già nella Top 5 di Superbike a Jerez de la Frontera

La due giorni sul tracciato andaluso si conclude positivamente in termini di lap time

The Maniac is really back! Ed ora sogna in grande dopo che i primi test del 2024 non sono andati bene ma benissimo! La due giorni sul tracciato andaluso di Jerez de la Frontera infatti si è conclusa positivamente per il centauro di Vasto in termini di lap time, con Andrea Iannone che è riuscito a confermarsi vicino ai riferimenti della categoria al termine della combinata.

La mattina del day 2 è stata dedicata a cercare la massima prestazione, memori che nel pomeriggio della prima giornata i tempi si erano alzati notevolmente. Il numero 29 trova da subito un buon ritmo, migliorando alla prima uscita il 39.6 siglato in precedenza. Con la gomma da qualifica migliora ulteriormente scendendo sul 38.7, lamentando però ancora un set-up ed una configurazione di elettronica non ottimale per ottenere il massimo dalla SCQ. Al rientro in pista con gomma da gara riesce ad attestarsi vicino al suo riferimento, mantenendo un passo gara rapido e costante. Verso fine giornata era previsto uno shakedown della moto in versione 2024 e nonostante alcune piccole difficoltà di adattamento, nell’ultima uscita squadra e pilota hanno trovato la via corretta da cui ripartire a Portimao. Una piccola scivolata alla curva 2, verso metà giornata, non ha fermato lo sviluppo, con Andrea che è prontamente rientrato ai box senza nessuna conseguenza fisica.

Jerez Test Combined Results:
P 1   N. Bulega   1.37.809
P 2   J. Rea   + 0.536
P 3   S. Redding   + 0.763
P 4   T. Razgatlioglu   + 0.829
P 5   A. Iannone   + 0.935

Questo il commento del rider  Andrea Iannone: 
“E' stata una giornata abbastanza positiva, ho continuato ad adattarmi alla moto, alle gomme, cercando di capire le risposte dalla mia Panigale V4-R. Siamo concentrati sul passo gara con l’obiettivo di ottenere costanza di rendimento, anche a gomme usate. Usciamo dalla due giorni di Jerez con un buon ritmo, la simulazione di gara ha fornito un buon riscontro, come primo test possiamo essere soddisfatti. Peccato non aver sfruttato bene la gomma Q da qualifica, ma ci siamo concentrati su altro, nonostante qualche piccolo problemino sul finale. Ora dovremo continuare il nostro processo di crescita per concludere al meglio prima di partire per l’Australia”. Adesso è tutto pronto per svelare la nuova modo ufficialmente (leggi qui)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Iannone già nella Top 5 di Superbike a Jerez de la Frontera

ChietiToday è in caricamento