rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Altro

Andrea Iannone e la sua "bella" sono pronti. “È una grande emozione ricominciare”.

La moto del centauro di Vasto è già stata eletta la più cool del Mondiale SBK. In attesa di vedere se sia anche la migliore... E non si dimentica dei suoi tantissimi fans

Il conto alla rovescia sta finalmente per finire. Quattro anni sono lunghi, lunghissimi, ma ormai è tempo di gare ufficiali. Ed Andrea Iannone e la sua “bella” sono pronti. No, stavolta la compagna Elodie non c'entra nulla. La celebre compagna starà vicino al centauro di Vasto, nei box o sugli spalti o davanti alla tv, ma non parliamo di lei. La sua “bella” è la Ducati Panigale V4R, la moto a disposizione di “The Maniac” per il prossimo Mondiale SBK che segna il rientro alle corse del centauro di Vasto dopo la lunga e nota squalifica. A livello estetico la sua moto – svelata al mondo alla tenuta Piedelmonte a Guarene, nei pressi di Alba - è già stata eletta la più bella, se sarà anche la migliore in pista lo si capirà già nel primo appuntamento iridato in Australia, a Phillip Island nell'ultimo weekend del mese.

La Panigale con il 29 del Team GoEleven in sella si accosta all'appuntamento dopo ottimi test a inizio 2024, prima a Jerez de la Frontera e poi a Portimao, e dopo l'antipasto andaluso nei giri dello scorso novembre a squalifica appena scaduta. E proprio a Jerez si terrà ad ottobre quel GP di Spagna che chiuderà la stagione ed incoronerà il nuovo Re della categoria. Sarebbe una perfetta chiusura del cerchio per Iannone, che a Jerez ha iniziato ad alzare i giri del motore nel primo test (è entrato nella Top5) e che proprio in Andalusia potrebbe vincere il Mondiale. Un sogno? Forse. Ma di certo non sembra essere utopia. ."The Maniac" è stato veloce nei test svolti a Jerez e Portimao in sella alla Panigale V4 R. Inaspettatamente veloce, forse. Ma tanto veloce.  E punta a ripetersi anche in gara

A 34 anni Iannone si rimette in gioco, lasciando da parte tutto il gossip che lo ha accompagnato in questi anni grazie alle sue love story da copertina. Di moto e di corse in motocicletta vuole parlare il centauro di Vasto. Non di altro. Ha già tagliato il primo traguardo ideale a braccia al cielo, quello di essere tornato e di essere competitivo nonostante la ruggine accumulata per l'assenza forzata, adesso punta il prima possibile a vincere una gara e ad essere in lizza per la vittoria del Mondiale. Questione di tempo, perchè il talento non è sparito. Ed ha una marcia in più, la grande voglia di rivalsa.

“Poter tornare in griglia di partenza dopo tanto tempo è per me già un traguardo. Ringrazio Ducati nelle persone di Gigi Dall’Igna, Claudio Domenicali, Paolo Ciabatti, Marco Zambenedetti e tutto il team Go Eleven, Gianni Ramello e Denis Sacchetti per la fiducia. Un ringraziamento speciale anche alla famiglia del WorldSBK”, le sue parole in un post su Instagram dove non si è dimenticato dei suoi tantissimi tifosi. “Un grazie anche a tutti voi per il supporto di questi lunghi e difficili anni”, ha scritto. “È una grande emozione ricominciare”. Per il suo ritorno alle gare dopo la squalifica per doping, Iannone avrà anche un casco dedicato con un messaggio ben chiaro: "I'm back", "sono tornato". Per non andarsene più. 

Iannone ha trascorso 14 stagioni nel paddock della MotoGP, tra 125cc, Moto2 e MotoGP. Tra il 2005 e il 2009 ha vinto quattro gare in 125cc, approdando poi nel 2010 nel Campionato del Mondo Moto2 restandovi per tre anni. Tutte le stagioni le ha chiuse al terzo posto in classifica, vincendo in totale otto gare, per poi passare in classe regina. In tutto sono state sette le annate in top class nella quale nel 2016 ha vinto una gara con Ducati e collezionando 11 podi. E adesso in Superbike vuole riannodare il filo col destino. E con le vittorie....

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Iannone e la sua "bella" sono pronti. “È una grande emozione ricominciare”.

ChietiToday è in caricamento