menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abruzzo Golf Open Dailies: Garcia in vetta, Lipparelli corre per il titolo

A un giro dal termine al Miglianico G&CC lo spagnolo è il nuovo leader, seguito in seconda posizione dallo svizzero Eggenberger e dal francese Foret. Quarto l’azzurro Lipparelli

Sebastian Garcia Rodriguez con 131 colpi (65 66, -11) è salito al comando dell’Abruzzo Open Dailies Total 1, torneo in calendario nell’Alps Tour e terzo evento dell’Italian Pro Tour Banca Generali Private, il circuito di nove gare nazionali e internazionali della FIG.

Sull’impegnativo percorso del Miglianico Golf & Country Club (par 71), a Miglianico (CH) nel giro finale avranno chances di successo anche lo svizzero Mathias Eggenberger e il francese Julien Foret, secondi con 133 (-9), ed Edoardo Raffaelle Lipparelli, quarto con 134 (-8). Resta in alta classifica l’amateur Filippo Celli, quinto con 135 (-7). Mantengono un buon ritmo Luca Cianchetti e Federico Zucchetti, ottavi con 136 (-6), e Stefano Pitoni ed Enrico Di Nitto, dodicesimi con 137 (-5). Non hanno superato il taglio, caduto in par (142), tra gli altri Leonardo Sbarigia, Lorenzo Magini e Joon Kim (55i, 143 +1), l’olandese Lars Van Meijel (63°, 144 +2) e l’iberico Manuel Elvira (76°, 145 +3). Nel giro finale sarà in palio il montepremi di 40.000 euro dei quali 5.800 andranno al vincitore. Anche nella giornata conclusiva l’ingresso per il pubblico sarà gratuito.

“Mi sono trovato due colpi sopra il par dopo sei buche - ha detto Edoardo Raffaele Lipparelli -  poi ho realizzato quattro birdie di fila che sono stati fondamentali per riassestare lo score. Sono molto contento di come sto giocando in questo periodo. Si vedono i risultati del lavoro svolto in inverno su tecnica, swing e putting. Attualmente sono settimo nella money list dell’Alps Tour e ho a disposizione anche dodici gare sul Challenge Tour. Inizierò con il doppio cammino e poi in estate deciderò su quale circuito concentrarmi”.

Il percorso di 18 buche è stato progettato dal noto architetto americano Ronald Kirby e si sviluppa tra ulivi tipici abruzzesi e vigneti. Le buche, tecniche e impegnative, presentano fairway larghi e green di media grandezza abbastanza mossi. Numerosi bunker e ostacoli d’acqua, insieme ad alcuni insidiosi fuori limite, richiedono al giocatore molta precisione e strategie appropriate per ogni buca. E’ un tipico tracciato da campionato che tuttavia, grazie anche a diversi tee di partenza, soddisfa le esigenze di qualsiasi golfista. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento