Earth Day Italia

Pecorino e Montepulciano, si annuncia un' ottima annata

Bel tempo e sole caldo stanno portando perfettamente a maturazione le uve abruzzesi. Se certo è l'aumento della produzione, a sorprendere sarà la qualità dei vini.

Si preannuncia come una delle annate migliori degli ultimi anni, tanto da far pensare una vera vendemmia a 5 stelle. Il caldo di fine estate e il tempo soleggiato di questo inizio autunno hanno creato le giuste condizioni affiché ciò avvenga. Sono infatti queste temperature elevate, e le escursioni termiche tra giorno e notte che stanno favorendo una maturazione eccezionale delle uve. L' “anomalo” andamento climatico favorirà un aumento della produzione del quantitativo di uve che porteranno l’Italia al primato mondiale di vino prodotto superando anche la Francia. Se da un punto di vista quantitativo si tratta di conferme, è per quanto riguarda la qualità che si stanno raggiungendo degli standard quasi impensabili un tempo. Questo è dovuto appunto al clima, essendo stata la penisola, così come l’Abruzzo, esposta ad un lungo anticiclone che ha portato sereno e caldo proprio  nei giorni che precedono la vendemmia.

In Italia le uve Pinot e Chardonnay destinate alla produzione di spumanti sono già state raccolte mentre nel mese di ottobre arriverà il periodo della raccolta delle uve rosse autoctone come Sangiovese, Montepulciano, Nebbiolo e con previsioni di sforamento a novembre per Aglianico, Cabernet e Nerello. La Coldiretti precisa: ”Il monitoraggio effettuato sulle uve in maturazione evidenzia una gradazione zuccherina buona con un maggiore accumulo di sostanze aromatiche e polifenoliche. La produzione – continua l’associazione-  sarà destinata per oltre il 40% ai 330 vini DOC (denominazione di  origine controllata) e ai 73 vini a  DOCG (denominazione di origina controllata garantita), il 30% per i 118 vini IGT (Indicaazione Geografica Tipica) riconosciuti in Italia mentre il restante 30% sarà utilizzato per il vino da tavola.”

Questi risultati si avranno anche in Abruzzo  dove le previsioni sono entusiasmanti se il proseguo delle vinificazioni confermerà risultati già ottenuti da quelle appena concluse. Si è, infatti, già effettuata la raccolta dei vitigni precoci e in questi giorni si sta completando quella di Pecorino e Passerina per poi passare al Cococciola, Sangiovese, Trebbiano e infine Montepulciano.  Se le condizioni climatiche si manterranno come le ultime settimane questo 2013 sembra poter passare alla storia come una grandissima annata.  L’ufficio vitivinicolo della Coldiretti Abruzzo dichiara: “ potremo ricordare una delle migliori vendemmie dal punto di vista qualitativo  e con un aumento collaterale della produzione che potrà attestarsi al +10/15%”.

Non resta che sperare nel proseguo del bel tempo e un buon calice di vino sembra assicurato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pecorino e Montepulciano, si annuncia un' ottima annata

ChietiToday è in caricamento