← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Vecchi cavi e fibra causa dei frequenti blackout nel centro di Chieti?

La mattina di sabato 21 novembre il Censorino Teatino ha dato voce alla protesta di una rappresentanza di 130 famiglie residenti nelle zone centrali della città di Chieti, stufi delle interruzioni nella fornitura dell'energia elettrica che vanno avanti da circa un mese che stanno causando molti disagi. In particolare, le strade coinvolte sono: Via Mater Domini, Via De Lellis, Via Cocco, Via Principessa di Piemonte, Via De Thomasis, Via Cauta, Via Saverio Del Giudice, Via Viaggi, Largo Teatro Vecchio, Via Allegranza e i Gradoni di Via Cauta. In merito ai blackout che si sono verificati, dopo la protesta c'era stato il fulminio intervento dell'amministrazione comunale, in cui si informava che Enel a breve, avrebbe ammodernato gli impianti con lavori già programmati.

Ma, in questi giorni, i disagi si sono ripresentati. Oggi c'è stato l'incontro con i rappresentanti delle famiglie "sul piede di guerra" e gli assessori Pantalone e Zappalorto. I frequenti blackout che si possono verificare soprattutto ogni volta che c'è maltempo, sarebbero peggiorati negli ultimi mesi, dopo il recente posizionamento della fibra fra luglio e agosto. A tal proposito, vi mostriamo le immagini del cantiere aperto per i lavori nella zona, in via Cauta, da domenica 22 novembre fino al primo pomeriggio di giovedì 26 novembre 2020, e una immagine che mostra come siano pericolosi i cavi all'aperto, ad esempio come quelli in via Saverio Del Giudice, soprattutto quando piove forte e si creano danni e guasti con cortocircuiti, scintille e fiamme.

Il Censorino Teatino chiede all'amministrazione comunale di sollecitare l'ultimazione dei lavori affinché i blackout non si verifichino più, e di verificare la sicurezza dei cavi vecchi di circa ottant'anni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento