← Tutte le segnalazioni

"I pazienti trapiantati sono più a rischio di tanti altri: quando saremo vaccinati?"

Redazione

"Quando sarà possibile effettuare il vaccino anti Covid per i trapiantati?". È la richiesta avanzata dalla teatina Stefania Fasciani, socia Airp (Associazione italiana rene policistico onlus), che ha subito un doppio trapianto e, per questo, rientra nelle categorie "sensibili" che devono sottoporsi al più presto al vaccino. 

"Ho aderito al portale della Regione Abruzzo - racconta - e nel giorno in cui ho aderito, circa 25 giorni fa, c'erano quasi 5mila adesioni. Ora sicuramente si è oltrepassato quel numero ed è un dato che scoraggia. Mi chiedo: quando sarà il mio turno o di quelli nelle mie condizioni o con altre patologie per cui il vaccino è un vero e proprio salva vita?". 

"I trapiantati di organi - aggiunge - sono costantemente sottoposti a terapia salvavita, facendo uso di farmaci che abbassano le difese immunitarie. Già in condizioni normali si è sempre 'fragili', ora il Covid 19 ha peggiorato le situazioni". 

"Nonostante le precauzioni, si vive con la paura, sapendo di essere un soggetto maggiormente a rischio di altri. Mi rivolgo dunque al presidente della Regione Abruzzo, all'assessore regionale della Sanità, e all'assessore alle Politiche sociali: quanto noi trapiantati di organi dobbiamo ancora attendere per poter essere vaccinati? E soprattutto, come categoria ci hanno preso in considerazione?".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento