← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Vaccinazioni anti Covid, utenti nel caos: "Dopo la prenotazione il silenzio assoluto"

Via dei Vestini 136 · Madonna delle Piane

La Regione Abruzzo ha allestito una piattaforma sulla quale esprimere il proprio interesse alla vaccinazione rientrando in una delle categorie previste. La piattaforma somiglia ad un buco nero di astrofisica memoria. Inseriti i propri dati: da quel momento silenzio assoluto!

Rivolgendosi all'assistenza della piattaforma non si ha alcuna risposta. Rivolgendosi ai numeri telefonici indicati dalla piattaforma si trovo sempre occupato oppure, nell'unico mio caso di telefono libero, non risponde nessuno. Rivolgendosi al numero verde della propria Asl di appartenenza (2), sempre occupato.

Ancora una volta il cittadino non deve sapere quale meccanismo si è innescato a valle della propria adesione ad un qualcosa di pubblico. Costa tanto pubblicare sulla piattaforma un calendario delle previste vaccinazioni (salvo ritardi per cause di forza maggiore) nel quale ognuno possa vedere al propria collocazione? Costa tanto informare i cittadini dei criteri in base ai quali, a parità di categoria, alcuni hanno già ricevuto la prima dose ed altri nulla sanno? La sbandierata trasparenza si è appannata? I numeri telefonici sono pubblicizzati per non rispondere (qualcuno ha provato a verificare il carico telefonico?)? Il cittadino rimane suddito: questa è l'amara constatazione!

Elvio Cugini

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Gestione penosa, dilettanti menefreghisti

  • Caro sig Elvio, ha anticipato la mia analoga segnalazione. È vergognoso non conoscere né il meccanismo di priorità scelto per vaccinare le persone nell ambito di una classe ( nel caso ultra ottantenni) , né a che posizione si è ! Una gestione PENOSA!!!! Tra un po' inizierò con le denunce verso questi incapaci!

    • Grazie per l'attenzione. Purtroppo abbiamo di fronte un muro costruito per celare l'inefficienza, per non dire il menefreghismo: manca il rispetto per il cittadino comune.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento