← Tutte le segnalazioni

Autobus per le vie di Chieti con la sciarpa del Pescara

Redazione

Tifosi indignati per una sciarpa del Pescara in bella vista sull'autobus della Tua (ex Arpa) Chieti-Pescara. La foto è stata scattata mercoledì mattina: il bus in questione era partito alle 11,50 da piazza San Giustino.

"Basta con le provocazioni in casa propria - commentano sul gruppo "Chieti siamo noi" dove l'immagine è stata postata da Fabio Angelucci -  La provocazione calcistica e campanilistica rientra nelle mansioni degli autisti del servizio pubblico regionale?"

I ragazzi fanno sapere che la direzione della società di trasporto pubblico, alla quale è stato segnalato l'episodio via mail, non ha risposto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (26)

  • Avatar anonimo di antonio
    antonio

    io non ci vedo niente di provocatorio, si vede che l'autista del pulmann era di pescara e magnificava così la sua gioia per la sua squadra del cuore in serie A. Fi niamola di menarcela con questi campanilismi da strapazzo, ognuno ha la squadra che si merita e loro stanno decisamente meglio.

    • su questo non ci piove. Comunque i CHIETINI sono sempre gli stessi sogetti, invidiosi e frustrati, menano subito, spesso quando sono in tanti e non guardano in faccia a nessuno.Al villaggio dello studente hanno quasi massacrato di botte un ragazzo che indossava la maglia del Pescara appena salito in serie A. ITEATINI invece di queste fregnacce se ne frecano altamente e pensano a protestare (senza menare) in maniara democratica per altre cose che non vanno sul colle e l'elenco sarebbe troppo lungo da fare quì, riempierebbe una pagina.

  • Avatar anonimo di Anto
    Anto

    Non ho parole. Ma siamo stupidi sono testina e me ne vanto ma forza pescara e mi dispiace che a chieti nessuno ha voluto investire sulla chieti  chieti calcio . Poi beati voi che avete come problema una sciarpa su un autobus.

  • Avatar anonimo di teatino
    teatino

    menare, MENARE !!!

  • Avatar anonimo di herius
    herius

    Mi spiace ammetterlo ma siamo stati anche noi chietini a contribuire all'espandersi della metastasi pescarese. Se negli anni non avessimo regalato quattrini alla plebaglia costiera,forse,le cose andrebbero un po meglio. Ora, prendiamoci le nefaste conseguenze. Me ne rammarico.

    • tu di soldi non ne hai dati nolti credi a me. La plebaglia è quella che mena, quella che lancia molotov non quella che costruisce e si espande in maniera uniforme e industriosa. Ma se a voi Teatini sta sulle balle pure Chieti Scalo (basta guardare come la trattate o cme trattate gli scalini) che c'è solo da vergognarsi.

      • Avatar anonimo di Salvor Hardin
        Salvor Hardin

        Definire meglio "quella che costruisce e si espande in maniera uniforme ed industriosa". Siamo in Abruzzo, non in qualche ormai rara isola felice del nord. Siamo tutti in regressione, qui, con, forse, l'unica eccezione di quelli che, con forti aiuti politici e amministrativi, rubano senza ritegno e con applicazione scientifica le competenze ai centri vicini. Se questa è l'espansione industriosa...

  • Quale responsabile dell'Ufficio stampa di TUA preciso che l'azienda ha già contestato al conducente che ha portato la sciarpa a bordo del bus della Chieti-Pescara il comportamento non consono al ruolo di addetto a un pubblico servizio. Seguirà, pertanto, un provvedimento disciplinare a carico di quest'ultimo. Preciso anche che l'azienda ha prontamente risposto per posta elettronica a quanti hanno segnalato l'episodio. Aristide RICCI Responsabile Ufficio stampa TUA spa 3351231762 Chieti 17 giugno 2016

    • Aristide se vuoi essere creduto devi mettere nome, cognome e posizione occupata all'interno della soc. TUA altrimenti TACI o passi per il solito frustrato chietino che commenta quì.

      • Avatar anonimo di Salvor Hardin
        Salvor Hardin

        Magari, se leggi fino alla fine, è meglio.

        • ta ghe ragiu anca ti,salvor

    • Avatar anonimo di antonio
      antonio

      così vi rendete ridicoli, sono altre le segnalazioni di inadempienza che andrebbero puniti. Una sciarpa è una sciarpa e l'autista è un tifoso come sono milioni in Italia.

      • Avatar anonimo di Salvor Hardin
        Salvor Hardin

        Sarebbe cioè, se vengo a casa sua, siccome sono maschio come milioni e le donne sono donne potrei...no. Non potrei. E sa perché? Perchè nel mondo esistono delle convenzioni sociali che la gente conviene rispetti, se vuole vivere in modo civile, in una comunità nelle quale si vuole convivere. E' vero, sono piccole cose, ma il mondo è fatto anche di piccole cose. Come qualcuno che evita di entrare in tanga in Chiesa o di rinfrescarsi immergendosi nella fontana di Trevi o di usare il palazzo dove abita come lavagna per le sue dichiarazioni d'amore.

  • Avatar anonimo di Marrucinorum
    Marrucinorum

    L'autista idiota andrebbe quantomeno sospeso per 15 giorni con la sua bassezza culturale poteva mettere a repentaglio i passeggeri se fossero saliti i tifosi rivali. Ma si sa sara' stato raccomandasto da qualche politico di merda di questa regione per entare li'. Vergogna all' autista ed alla societa' che assume questi decelebrati!!

    • Avatar anonimo di antonio
      antonio

      e tu lasceresti un lavoratore 15 giorni senza stipendio, ma dinne un altra e vergognati

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    Poi che ci prendono le botte gli autisti ve le cercate proprio 

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    L'autista di questo autobus, non importa chi sia, si è dimostrato un grande imbecille che mette a repentaglio la sicurezza di chi trasporta, pensiamo solo alla vendetta possibile di imbecilli come lui, e dei beni dell'azienda, che sono pubblici. A parte l'aspetto disciplinare, quando si lavora si lavora e basta, siamo sicuri che un tale idiota abbia le caratteristiche psico attitudinali per prendersi la responsabilità della vita di decine di persone a lui affidate, mentre guida? Se fossi nell'ufficio risorse umane dell'azienda un controllo lo farei.

    • Avatar anonimo di antonio
      antonio

      se non ti nascondessi dietro l'anonimato di un computer potresti essere passibile di denuncia per le parole usate nei confronti di un lavoratore a prescindere o no dal gesto che lui ha fatto. Spetta all'azienda eventualmente riprenderlo e non ai coglioni di maltrattarlo con parole stupide.

      • Avatar anonimo di Salvor Hardin
        Salvor Hardin

        Imbecille, detto all'autore dell'azione che poi ha portato alle conseguenze che avevo facilmente previsto, è un insulto da denuncia; coglione, detto da uno che evidentemente conosce personalmente il significato, invece no.

    • Avatar anonimo di Qualcuno
      Qualcuno

      L"imbecille è colui che ostacola la libertà altrui.. se la gente nell'autobus è in pericolo,lo è perché gente come lei è ancora in giro.. Hitler sbaglio categoria di persone a mio parere. Se uno tifa una squadra perché deve essere.insultato? Se io fossi un direttore di una qualsiasi azienda dove lei è un dipendente ti manderei a casa subito. Perché gente così secondo me deve morì di fame solamente.

      • Avatar anonimo di barone nero
        barone nero

        X quanto mi riguarda ognuno e libero di esporre qualsiasi simbolo in città senza aver paura di ritorsioni parlo da chietino poi alcuni miei paesani sono forti a parlare e a rispondere solo su una tastiera poi in strada hanno paura che senso ha?ho lavorato a Pescara facevo il Derby tutti i giorni ma mai nessuno ha avuto il coraggio di venirmi in faccia e parlo di vita reale in strada no su una tastiera

      • Avatar anonimo di Salvor Hardin
        Salvor Hardin

        Si vede dai richiami a personaggi storici che lei è un liberale e un non violento. La ringrazio per avermi associato, idealmente, a noti campi di sterminio e di avermi, sempre idealmente, fatto perdere il lavoro per aver espresso le mie idee. E' confortante che gente come lei richiami la libertà altrui augurandomi anche di morire di fame. Sono commosso. Veda, io non mi richiamo al diritto naturale, ma al buonsenso che pare non abiti più dalle nostre parti. Ma questi sono discorsi che lei, da come parla, non recepisce proprio. Le auguro di vivere in una magnifica società come piace a lei. Zeppa di provocatori e aizzatori di violenza, con le sciarpe e con le parole e poi con quel che generalmente ne consegue. Le auguro una buona serata, magari, che ne so, vada ad esprimere la sua libertà di parola e di pensiero osannando il duce tra gli anarchici o Lenin a Casapound. O magari, il prossimo campionato, vada ad esprimere il suo tifo con quella sciarpa ma all'altra curva. Tutte cose legittime e costituzionalmente corrette. Anzi, provi a ripetere a loro quello che ha scritto a me. Le risponderanno come sto facendo io, con calma. Vedrà, vedrà come si divertirà.

        • O ma un po' di goliardia, c'è l'avete a Chieti o siete così frustrati?Pensa ad una città come Roma che tutti i giorni c'è gente con maglie sciarpe ecc..sia della Lazio che della Roma,si dovrebbero ammazzare, a vero siamo in Italia ci ammazzato per le cagare poi arriva un pinco pallino qualsiasi dice di staccare un crocifisso dalle aule e gli diciamo bravo fai pure, goliardia poi che rivalità calcistica ci dovrebbe essere tra una società che calcisticamente ha fatto la storia dellabbruzzo

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento