← Tutte le segnalazioni

Disservizi

D'Annunzio, lezioni e appelli spostati senza preavviso: i problemi degli studenti pendolari

Campus universitario via dei vestini, spazio antistante facoltà di Lettere e Filosofia · Chieti

Al fine di migliorare il servizio, Marta, 23 anni, studentessa universitaria, originaria dell'Alto Molise, iscritta a Lettere, segnala i disservizi costretti a subire, a causa di alcuni problemi logistici - organizzativi, i pendolari della D'Annunzio sia per quanto riguarda le lezioni, sia per quanto riguarda gli esami.

La giovane studentessa molisana ci ha parlato di lezioni che sarebbero spostate spesso senza avviso o con avviso messo soltanto la mattinata stessa, costringendo i pendolari a fare spesso viaggi a vuoto.

Stesso problema sussisterebbe per gli esami perché spesso i docenti metterebbero un solo appello per tutti i corsi svolti. Il problema in questo caso, sarebbe che quando ci sono troppe persone iscritte, l'esame slitterebbe di uno, due, tre giorni consecutivamente, anche con necessità di dover tornare tutti e tre i giorni perché non si sa quando si verrà chiamati dal docente.

Un altro problema, ovviamente direttamente connesso a quelli delle lezioni e degli esami, è quello delle aule troppo piccole per contenere il numero di studenti.

Spesso gli esami si svolgerebbero anche negli uffici del docente, con notevoli disagi e a volte anche malori per chi fa la fila attendendo il suo turno che non si sa quando arriva.

La situazione segnalata alla nostra redazione dalla studentessa pendolare originaria dell'Alto Molise, si riferirebbe alla situazione al 1° e 2° piano del palazzo di Lettere; problemi che andrebbero sicuramente risolti per migliorare i servizi offerti dal nostro Ateneo, vanto della città.

TRATTO DA WWW.CENSORINOTEATINO2013.BLOGSPOT.IT

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    Eh, quanti problemi oggigiorno al campus di Chieti (se elencassi quelli che c'erano qualche decennio fa e dove si facevano gli esami...e in quanti luoghi diversi sparsi come viene viene in città grandi dieci o venti volte Chieti...). Cert'è che se la sede fosse una sola, per esempio Pescara, si risolverebbero d'un botto tutti questi inconvenienti pluridecennali venuti alla luce, ad arte, di questi tempi, nevvero?

  • un esempio, se ce ne fosse stato ancora bisogno, di come funzionano le cose in Italia. A sentire Renzi questa scuola è d'esempio agli altri, speriamo che nessuno lo segua però! E' una vergogna e meno male che queste porcate incominciano a venir fuori grazie a persone che non hanno paura di denunciare il mal costume all'interno della D'Annunzio.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento