menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"I pedoni che vanno a Megalò rischiano di essere investiti"

La denuncia di un lettore, che invoca la realizzazione di un passaggio pedonale, con semaforo a richiesta, per garantire la sicurezza

Il passaggio pedonale che porta all'area del centro commerciale Megalò è ben poco sicuro. La denuncia arriva da un lettore, che ha scattato foto molto esplicite, il quale chiede la sistemazione di un passaggio pedonale attrezzato con semaforo a richiesta. 

È passato più di un anno da quando la nuova proprietà di Megalò 2, la Sile srl, ha realizzato la perimetrazione in acciaio che dovrebbe mettere al riparo Megalò1 e Megalò2, un'area di circa 100.000 metri quadrati, dai futuri rischi a seguito di alluvione-inondazione con relativa esondazione del fiume Pescara.

La suddetta società, nel realizzare l'opera, ovviamente ha dovuto creare anche una mega porta stagna di accesso all'ingresso principale. Nel realizzare detta porta, la stessa, gravemente, ha "dimenticato" omettendo, di realizzare un accesso/uscita a norma del codice della stradale per i pedoni. Ciò, con evidente pericolosità per gli stessi di essere investiti dagli automezzi in transito in entrata e uscita, considerando l'aggravante della grande rotatoria con relativa grave precarietà della visibilità degli automobilisti in uscita dal centro commercaile; tra gli avventori del centro commerciale, tantissimi sono i giovani che vi accedono quotidianamente, anche in comitiva, sia in orario diurno che notturno. Da un semplice sopralluogo diurno ma ancor più notturno, si evince che molti automobilisti attraversano la grande porta come se stessero gareggiando per una tappa di rally.

Con stupore si evince la grave disattenzione delle autorità preposte al controllo del manufatto realizzato e altresì dell'autorità deputata al controllo della viabilità e sicurezza stradale del territorio comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento