← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

La Transcollinare al buio è un pericolo continuo, ma la Provincia è immobile

Redazione

Nelle ore notturne, è l'incubo di qualunque automobilista si sia trovato a passare di là, ancora di più quando piove. La transcollinare, strada a scorrimento veloce che collega la città di Chieti con il casello autostradale di Dragonara, in alcuni tratti è pericolosissima. Come testimonia questa fotografia, scattata sotto una pioggia battente ieri sera (domenica 9 ottobre). 

Se già nelle ore di luce la viabilità non è perfetta, per la segnaletica poco chiara, la vegetazione che in diversi tratti invade la carreggiata e l'asfalto dissestato, quando arriva il buio la transcollinare è un vero incubo a occhi aperti. Ma la Provincia, da tempo consapevole di questo disagio, non prende alcun provvedimento. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Al primo temporale di stagione salta l'impianto di illuminazione e viene ripristinato dopo mesi dall'ANAS di Pescara (a seguito di numerosi solleciti telefonici).

  • ma le Province esistono ancora? niente soldi, niente luce.

  • Avatar anonimo di SKALMANATO
    SKALMANATO

    Se non si è in grado di assicurare i servizi  perchè i fondi da ROMA non arrivano il Presidente della Provincia dovrebbe rimettere il mandato. 

    • Avatar anonimo di Salvor Hardin
      Salvor Hardin

      E andrebbe pure peggio perché un commissario probabilmente non risolverebbe nemmeno le emergenze e se si aprisse una voragine, si limiterebbe a chiudere la strada. Con buona pace di chi dovrebbe percorrerla.

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    Magari, forse, vorrebbe pure prenderlo, il provvedimento. Tutto sta a vedere chi poi paga la bolletta, dato che qualcuno, a Roma, ha detto che le provincie non servono, ha tagliato i fondi e le vuole abolire al più presto. Dispiace per chi non era d'accordo con questo qualcuno. Gli altri, quelli che con certe riforme vogliono modernizzare il Paese come da foto sopra, quelli che un paio d'anni fa dicevano che le provincie andavano abolite perché non servivano, si munissero pure di torce, precipitassero dal viadotto, pregassero l'intervento della regione (figurati...), facessero quello che vogliono. Peggio per loro.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento