"Le persone in attesa del tampone in fila accanto a noi malati oncologici", la lettera di una paziente

Una paziente dell'ospedale Santissima Annunziata segnala le condizioni di esecuzione del test Pet-Tac: "Gli esami sul camion accanto ai test anti Covid, ma noi siamo già molto fragili"

“Circa 7 anni fa mi è stato diagnosticato un tumore. Nell’ambito dell’iter diagnostico di questa malattia nel corso degli anni mi è stato richiesto più volte di eseguire un esame Pet Tac, la prima volta proprio 7 anni fa. Essendo residente nella provincia di Chieti mi sono rivolta alla Medicina Nucleare dell’ospedale Santissima Annunziata di Chieti".

Si apre così la lettera di una paziente oncologica in cura all’ospedale di Chieti. L’esame Pet-Tac viene impiegato soprattutto in ambito oncologico e può essere utilizzato anche come supporto in occasione di un intervento chirurgico per la rimozione del tumore: permette infatti di individuare la posizione esatta, così da intervenire in sala operatoria con maggiore sicurezza. Il servizio all’ospedale di Chieti viene eseguito due giorni a settimana, ma non all’interno del reparto.

"Con mio grande stupore - racconta la paziente - mi sono ritrovata ad eseguire l’esame su un camion parcheggiato nei pressi della centrale del 118. Ovviamente ho immaginato si trattasse di una situazione temporanea, per cui non mi sono lamentata degli innumerevoli disagi. Tuttavia anche l’anno successivo mi sono ritrovata ad eseguire l’esame Pet sullo stesso camion dell’anno precedente, e così via negli anni a seguire. Volete sapere cosa significa per un paziente fragile come me eseguire un esame così delicato su un camion? O meglio su due camion, visto che in uno c’è la sala d’attesa e nell’altro il macchinario. Significa in estate sopportare il caldo, in inverno la pioggia e la neve; significa dover salire e scendere delle scalette piccole, strette e traballanti, con il conseguente rischio di cadere, per spostarsi da un camion all’altro; significa aspettare in un ambiente tutt’altro che confortevole ed infine, ma non per ultimo, significa dover usufruire di in un bagno piccolissimo in cui è possibile fare solo la pipì ed è assolutamente vietato gettare la carta”.

Le difficoltà sollevate dalla paziente sono tante. "Tutto sommato io mi ritengo fortunata rispetto a tanti altri pazienti perché sono in grado di spostarmi con le mie gambe. Potete immaginare il disagio provato dai pazienti costretti su una sedia a rotelle o allettati. Ne ho visti tanti in questi anni, ma ho visto anche le difficoltà degli operatori sanitari (tra l’altro persone squisite e vittime anche loro, come noi pazienti, di questa situazione) nello spostare i pazienti da un camion all’altro, a volte quasi caricandoseli sulle spalle".

La Pet-Tac in dotazione all’ospedale di Chieti è stata acquisita nel 2012 in leasing ed è di tipo mobile: è posizionata nel piazzale antistante i locali del 118. Il servizio è nato per porre fine alle trasferte fuori regione a cui sono stati costretti per anni i pazienti della provincia di Chieti.

La signora, però, fa sapere di aver deciso di inviare la lettera di denuncia perchè martedì scorso "nel tornare ad eseguire l’esame ho scoperto che su un’ambulanza posta accanto al camion Pet si eseguono i tamponi per il covid e che i pazienti in attesa del tampone stanno in fila accanto a noi pazienti oncologici, che siamo già molto fragili. Insomma, oltre al danno di dover eseguire un esame tanto delicato in condizione indegne, si aggiunge la beffa di correre il rischio di contrarre il coronavirus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto la paziente si chiede “perché non è mai stata comprata una Pet da mettere all’interno dell’ospedale come già avviene in quasi tutti gli ospedali d’Italia? Quanto costa l’affitto del camion a noi contribuenti? Spero che qualcuno possa darmi una risposta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Una bimba abruzzese disegna il nuovo peluche venduto da Ikea

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • VIDEO - Facevano acquistare alla Asl protesi a prezzo gonfiato: quattro persone arrestate e 2 medici sospesi

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • Serve clienti al bancone dopo le 18: barista sanzionato dai carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento