← Tutte le segnalazioni

Altro

Lancia Y rubata a studentessa universitaria nei pressi della stazione

Redazione

Via Atri · Chieti Scalo

Furto d'auto nella notte tra mercoledì e giovedì in via Atri a Chieti Scalo, all'incrocio di via Caduti sul lavoro, a pochi passi dalla stazione ferroviaria. La proprietaria, una studentessa universitaria di Lecce, ha denunciato subito l'accaduto alla polizia, nella speranza di riuscire a rintracciare il mezzo: una Lancia Y modello Mya, acquistata appena un anno fa.

Chiedendo alle varie persone che abitano in zona in molti affermano che non è la prima volta che si assiste alla scomparsa delle auto parcheggiate. La domanda è lecita: perchè qui i furti continuano a ripetersi e non c'è un minimo di controllo?

Colonnetta: ladri d'auto rintracciati grazie alla scatola nera

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    C'è poco da controllare. Arrivano in quattro o  cinque a bordo di una vettura in piena notte e ripartono in un amen, ognuno a bordo di un auto rubata diversa, giungono al covo in piena notte dove le auto, in breve, vendono smontate oppure camuffate ed inviate verso la destinazione di ricettazione. Quando ogni derubato non troverà l'auto, al mattino, probabilmente essa sarà già arrivata in qualche località, per esempio, dei Balcani. Contro simili organizzazioni, che non sai mai dove e quando colpiscono, le due pattuglie che girano per Chieti (ma vale anche per altre città;) non possono quasi nulla, si possono sconfiggere solo con attività di investigazione, al limite utilizzando qualche dispositivo elettronico nascosto e non preventivato dai ladri, ma a patto di accorgersi immediatamente del furto. Non certo con misure-spot di prevenzione che sposterebbero solo l'attenzione degli esperti malfattori verso bersagli meno protetti, magari individuati in precedenza.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento