← Tutte le segnalazioni

Eventi

Don Stefano Adriani, 40 anni dedicati ai fedeli

C'era una volta, un gruppo di ragazzi che dopo aver studiato per un anno intero, fino spezzarsi la schiena, si diplomavano con ottimi voti, all'esame di stato presso l'ITIS Luigi di Savoia nell'anno 1966. Quell'anno in commissione d'esame c'era il professor Monaco, un tipo alquanto originale, che pretendeva conoscere cosa avevi capito di quello che avevi studiato non quante cose avevi quell'anno studiato. Quell'anno, che fu considerato da molti infausto e triste, bocciò quasi il 90% degli iscritti all'esame di chimica. Io fui uno di quelli che lo superarono con una media altissima del 9 pieno, ma ci fu un altro che ebbe un voto superiore al mio un certo Adriani Stefano. Tanti anni sono passati da allora e tante strade sono state con successo percorse dai ragazzi di quella covata, la 5°A. Non mi sarei sorpreso di rivedere i compagni di allora, felicemente pensionati dopo carriere luminose nell'ambito dell'industria privata o in quella pubblica. Di Stefano Adriani, non mi sarei sorpreso neanche se avesse fatto l'astronauta e fosse sbarcato sulla luna o avesse partecipato ad una delle missioni per farla avverare. Giorno 31 luglio ho scoperto che dopo averci lasciato si era poi laureato dapprima in Scienze Biologiche e dopo essersi occupato come ricercatore nelle acciaierie di Terni, si era poi laureto poi in Teologia e Filosofia per prendere, seguendo l'esempio di Don Bosco i voti. Nel 31 luglio del 1976, fu ordinato sacerdote nella sua Casalincontrada. Da allora Don Stefano, 69 anni, cresciuto nel mito di Don Bosco, che lo ha portato tra i Sale4sian, verrà mandato in giro per l'Italia, ma non romperà mai il legame con Caslalincontrada, dove vive la sua famiglia. Domenica scorsa, il paese e tutti i suoi amici hanno voluto ricambiare il suo affetto, con una festa per celebrare i suoi 40 anni di sacerdozio. Tutti hanno voluto partecipare alla messa pomeridiana celebrata da lui insieme al parroco Don Enrico D'Antonio. Erano presenti tutti i sindaci che si sono succeduti dal 1976 ad oggi per festeggiarlo e omaggiarlo di una targa ricordo dell'avvenimento in cui Don Stefano viene definito "Un uomo di grande saggezza e cultura mai ostentata ma messa al servizio di Dio e degli uomini". Don Stefano non possiede una macchina perchè è un camminatore instancabile e lo si vede spesso girare a piedi per incontrare e stare con la gente e mettersi al servizio degli altri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento