← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

De Meis...la biblioteca

E' proprio grazie ad intellettuali come il Verlengia, che nel 1948 dirigeva la Rivista Abruzzese che a chieti ci fu il primo convegno regionale dei bibliotecai, i cui ospiti vennero accolti nei saloni.Quando si potrà rivedere un meeting del genere? Cosa ne faremo della vecchia struttura della De Meis?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Salvor Hardin
    Salvor Hardin

    Fai prima a chiederti quando potremo utilizzare la radiazione di fondo come fonte energetica riutilizzabile, o quando si invertirà l'entropia dell'Universo o, addirittura, e qui entriamo nella fantascienza più estrema, quando considereranno Chieti un capoluogo alla stessa stregua di Pescara.

    • visti i lavori che oggi dovrebbero stare a fare (dico dovrebbero, altrimenti stanno solo pagando anche quì le impalcature in affitto, spendendo cifre da capogiro, tanto che alcune ditte fornitrici a Chieti si stanno arricchendo fornendo questo "servizio": palazzo d'Acille x 6 anni, Chiesa di S Francesco x 2 anni e chi ne ha più ne metta. Alla fine costa più l'affitto che le riparazioni ) qualcosa dovrebbe venir fuori della vecchia struttura. Un consigliere aveva ipotizzato anni fà di farci un parcheggio di macchine (in'idea pazzesca). Per l'entropia purtroppo non c'è nulla da fare,caro amico, il calore aumenterà sempre più e la terra o la vita che noi conosciamo su di essa, verrà pertanto distrutta e spazzata via dai cambiamenti climatici. In questi ultimi anni ne stiamo vedendo le conseguenze. Ritornando alla De Meis, so dai giornali (Il Nessaggero) che c'è stato un processo e la ditta che effettuava i lavori e le persone responsabile sono state condannate per i danni arrecati in fase di ristrutturazione e consolidamento dell'edificio. Avrebbero dovuto provvedere, a loro spese, alla sua sistemazione ma invece hanno fatto ricorso e tu sai che in Italia ci vogliono più di 20 anni per arrivare ad una conclusione di un processo e non è detto che questa poi soddisfi le aspettative o che addirittura vada in prescrizione. Come vedi non è l'Italia che và male, ma sono gli italioti furbi che la rendono invivibile.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento