← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Le bollette dell’acqua si pagano solo con commissione aggiuntiva: lo sfogo di un lettore

Redazione

“Ieri mattina mi sono recato presso la Teate Servizi, in zona Santa Maria, dove ho sempre provveduto al regolare pagamento della bolletta dell'acqua e, dopo un'attesa di oltre 45 minuti, mi viene detto che non viene più accettato il pagamento in contanti né tramite pos. Dicono inoltre che i nuovi metodi di pagamento sono scritti sulla stessa bolletta. Ma per mia sorpresa, e di molti che si trovavano lì in quel momento, non esiste un metodo di pagamento che non includa una commissione aggiuntiva”.

Comincia così lo sfogo di un lettore di ChietiToday, che chiede di restare anonimo. Mentre andava a pagare la bolletta “in ritardo – specifica – poiché mi è stata recapitata quattro giorni prima della scadenza, in pieno periodo natalizio (non ero in casa)”, gli viene detto che la stessa può essere pagata o tramite bollettino postale (con una commissione di 1 euro e 50) o tramite bonifico bancario (con una commissione minima di 50 centesimi). “Su una bolletta come la mia – spiega - del valore di 50 euro, queste rappresentano rispettivamente il 3% e l'1% dell'importo totale, sottratto in modo totalmente abusivo, illegittimo, fraudolento, vessatorio”.

Una vera e propria truffa ai danni dei cittadini, si sfoga, che chiede di fermare: “Chiedo he oltre alle opzioni di pagamento fornite venga obbligatoriamente data la possibilità a qualsiasi cittadino di esercitare il proprio, sacrosanto diritto di scegliere di non pagare nessuna commissione sulla bolletta, come è giusto che sia!

Chiedo altresì che si dia massima diffusione di questa richiesta per mobilitare il maggior numero di utenti/cittadini possibile contro chi fa solo e continuamente danni”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Sacrosanta la lamentela, ma attenzione: se le esazioni nella sede della Teateservizi diventano tante, sorgono altri problemi quali la possibile assunzione di un cassiere, il cui costo verrà ribaltato sul servizio, e la giacenza di somme di denaro le quali potrebbero far gola a qualche malintenzionato e fornire l'alibi per un servizio di vigilanza. Tirando le somme, non credo che l'utente ci guadagnerà. Anzi, sarà chi non potrà recarsi a pagare in contanti a potersi trovare a dover pagare comunque il costo di esazione e costi aggiuntivi per quanto sopra.

  • Avatar anonimo di Vincenzo Console
    Vincenzo Console

    Art. 1182 c.c. - L'obbligazione avente per oggetto una somma di danaro deve essere adempiuta al domicilio che il creditore ha al tempo della scadenza.

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento