← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Autisti guidano con il telefonino in mano

Non è la prima volta che noto i conducenti degli autobus urbani intenti a parlare al telefono o scrivere sullo smartphone, ma quello che mi è accaduto questa mattina ha del clamoroso.

Poco prima di mezzogiorno (erano le 11.45 all'incirca) guidavo da Santa Maria verso largo Cavallerizza, e poco prima di arrivare dietro al tribunale ho incrociato un autobus di linea dell'azienda La Panoramica. L'autista era intento a guardare il suo smartphone, con una cover gialla, e per questo si è distratto invadendo parzialmente l'altra corsia. Sono riuscita a sterzare a destra e lui ha ripreso il mezzo giusto in tempo. Ma cosa sarebbe accaduto se non ci fosse riuscito? Possibile che un guidatore di professione, che ha la responsabilità di un mezzo tanto ingombrante, oltre che dell'incolumità passeggeri a bordo, si possa distrarre scrivendo sul telefonino, mettendo a rischio la sicurezza anche degli altri utenti della strada?

Come ho già detto, non è la prima volta che faccio caso all'indisciplinatezza di certi conducenti, fra telefonate, messaggi e chiacchiere con passeggeri che gli si piazzano accanto, spesso distraendoli dalla guida e dalle fermate prenotate. Non si possono mettere mezzi pubblici in mano a persone con poco senso di responsabilità!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di fan
    fan

    Forse qualche volta parlano o rispondono al telefono, ma chi scrive e mette in cattiva luce autisti arpa panoramica e altre aziende e solo invidia secondo me,pensa loro quante ne devono sopportare macchine che gli tagliano la strada pedoni che attraversano no senza fare attenzione,quindi l'oro dovrebbero sempre criamare oscrivere sui social ma mi faccia il piacere e si faccia un o piu i cazzi suoi ne fa lei di soste selvagge e non rispetta il codice della sdrafa , pensa prima di scrivere ntareafforevono se dte co

  • Avatar anonimo di anto
    anto

    Hai ragione uso l auobus tutti i giorni e dopo che sono salita spero di scendere alla mia fermata sana e salva

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento