menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dal gruppo Facebook @Ricette Abruzzesi per tutti i gusti

Foto dal gruppo Facebook @Ricette Abruzzesi per tutti i gusti

Neole, ferratelle o pizzelle: le cialde abruzzesi dai decori eleganti

Le neole abruzzesi, chiamate anche ferratelle o pizzelle, sono delle ottime cialde abbellite da motivi eleganti e tradizionali

Tante trame, un solo sapore: sono le neole abruzzesi, chiamate anche ferratelle o pizzelle, delle ottime cialde abbellite da motivi eleganti e tradizionali da gustare da sole o, magari, con la scrucchiata.

Pochi gli ingredienti che servono per ottenere una fragrante neola, da assaporare a colazione o in qualsiasi momento della giornata. Per realizzarle serve “lu ferre”, ovvero uno strumento composto da due piastre di ferro. Su una si mette il composto, l’altra va sovrapposta e dopo qualche minuto si otterrà una cialda perfettamente decorata e croccante. Tuttavia è possibile anche realizzarne di più morbide, anche aggiungendo del lievito.

Infine possono essere servite piatte o arrotolate, semplici o arricchite da cioccolato o marmellata.

Vediamo come preparare le neole.

Ingredienti e ricetta

  • 3 uova
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 185 gr di farina 00
  • 3 cucchiai di zucchero
  • un pizzico di cannella
  • scorza grattugiata di un limone
  • un pizzico di sale

Sbattere uova e zucchero con una frusta in una ciotola e aggiungere l’olio. Mescolare gli ingredienti e ottenere un composto omogeneo. Poi aggiungere la farina setacciata e la scorza del limone grattugiata. Il composto dovrà risultare liscio e omogeneo.

È necessario far riposare il composto per 30 minuti circa. Nel mentre ungere il ferro con un filo di olio e scaldarlo a fiamma bassa su entrambi i lati.

Quando il ferro sarà bello caldo, si potrà versare il composto su un lato partendo dal centro, senza esagerare, aiutandosi con un cucchiaio. La pastella si diffonderà infilandosi tra le insenature del disegno.

Conviene girare il ferro più volte, per far cuocere la cialda in modo omogeneo.

Quando sarà dorata, bisogna staccarla, metterla su un piano e lasciarla raffreddare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento