menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli studenti del Pomilio volano in Bulgaria per il progetto Erasmus

Il prossimo aprile sarà la scuola teatina a ospitare l’ultima tappa del percorso, accogliendo nel capoluogo teatino gli studenti bulgari, lituani, turchi e macedoni, aprendo loro le porte dell’istituto e quelle della nostra regione

Da lunedì 5 a venerdì 9 novembre, una delegazione di studenti dell’istituto professionale Pomilio di Chieti partirà alla volta della Bulgaria per la penultima tappa del progetto comunitario “Smart classrooms, Smart students”, approvato dodici mesi fa nell'ambito dall’azione KA2, Strategic Partnerships for school education.

La tematica trattata in Bulgaria sara? la “letteratura” e gli studenti abruzzesi si cimenteranno con presentazioni multimediali, che vedranno tra i protagonisti il Vate, Gabriele d’Annunzio, simbolo della nostra terra. Nella preparazione del materiale, nelle scorse settimane, gli studenti hanno sviluppato diverse competenze previste dalle direttive comunitarie e dal ministero dell'Istruzione, da quelle digitali a quelle linguistiche, da quelle nella lingua madre al problem solving.

Il prossimo aprile sara? proprio il Pomilio a ospitare l’ultima tappa del percorso, accogliendo nel capoluogo teatino gli studenti bulgari, lituani, turchi e macedoni, aprendo loro le porte dell’istituto e quelle della nostra regione.

Nelle ultime settimane la dirigente scolastica, la professoressa Anna Maria Giusti, ha siglato altri due accordi che daranno vita ad altrettanti progetti Erasmus+ di tipo KA2. Questi si svilupperanno a partire da dicembre e vedranno il Pomilio collaborare, nel prossimo bienno, con istituti scolastici di Romania, Spagna, Macedonia e Turchia per il progetto “Innovative Maths Teaching” e con studenti e docenti di Polonia, Turchia e Lituania per il progetto “Think critically, live rationally and empatically”

La dirigente, insieme a un team di docenti sensibili all'importanza della formazione dei ragazzi in ambito europeo, sta portando avanti un percorso di internazionalizzazione dell’Istituto teatino, che rappresenta un motivo di vanto per tutta la citta? e per l’intera regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento