"Il Presepe più bello": vince la scuola primaria di San Giovanni Teatino

L'Amministrazione comunale ha premiato le classi vincitrici della mostra concorso realizzato con i materiali naturali presenti nel territorio comunale

Le classi della scuola primaria via Chieti, di San Giovanni Teatino, hanno realizzato il “Presepe più bello”. Questa mattina l'assessore alla pubblica istruzione Simona Cinosi e la responsabile del servizio cultura Alessandra Marrone hanno consegnato i premi e gli attestati di partecipazione nelle scuole della città. "Questa mostra-concorso - spiega il sindaco Luciano Marinucci - ha il pregio di conciliare le nostre tradizioni culturali con il territorio, attraverso la scoperta e la manipolazione, da parte dei bambini, di materiali naturali che caratterizzano le nostre zone".

La mostra-concorso "Il Presepe più bello", giunta alla quarta edizione, anche quest’anno ha incontrato l’entusiasmo e la partecipazione di tantissimi bambini, coinvolti con i docenti nella realizzazione di allestimenti, utilizzando materiali naturali presenti nel territorio, sul tema "Supportiamo il Natale - dalla forma al contenuto attraverso la creatività"."Lavorare con la creatività dei più piccoli - ha dichiarato Cinosi - è sempre emozionante: i risultati sono straordinari ma, a prescindere da questi, è la ricchezza del percorso a fare la differenza. Si tratta, infatti, di un momento di crescita per i giovanissimi artisti, ma anche per tutta la collettività che ne è stata coinvolta. La nostra intenzione è stata di promuovere la scoperta del nostro territorio e delle sue risorse naturali e, soprattutto, la conoscenza della tradizione del presepe e della sua conservazione nelle nuove generazioni,  stimolandone e diffondendone la cultura"."Presepe Nostrum - la sorprendente bellezza della nostra terra. La straordinaria grandezza della semplicità" è il titolo del presepe vincitore, realizzato dagli alunni di tutte le classi della scuola Primaria di via Chieti, utilizzando argilla, corteccia, pennacchi canne, foglie secche, pigne, ghiande, bastoncini e bacche,  con la seguente descrizione: "Il Presepe è ambientato nel nostro territorio caratterizzato dalla presenza di calanchi. I materiali naturali, raccolti direttamente dai bambini sono diventati gli elementi compositivi realizzati dando ampio spazio alla creatività. La lavorazione dell'argilla è l'elemento di continuità che lega il passato con il presente e i nostri luoghi con quelli della Palestina antica".

Secondo classificato il presepe delle sezioni A-B-C-D-E della Scuola dell'Infanzia di Dragonara con l'opera "La natura  .. fonte di vita". Terzo classificato il presepe delle sezioni A-E-I della Scuola dell'Infanzia  dal titolo "Le Mani dell'albero della vita".

Oltre alle pergamene per tutti i partecipanti, i primi tre classificati hanno ricevuto buoni acquisto di materiale didattico rispettivamente di 130, 100 e 70 euro.I presepi erano stati in esposizione nelle vetrine dei negozi della città e le foto, con la descrizione, sono stati pubblicate nel profilo facebook del Comune di San Giovanni Teatino. Per definire la classifica finale, ai tantissimi 'like' della giuria popolare, è stata integrata la valutazione della giuria tecnica composta da Anna Costantini (Istituto Comprensivo G. Galilei San Giovanni Teatino), Leonardo Pennesi (studente liceale), Benedetta Farinaccia (artista), Rita D’Emilio (artista), Lucia Angelozzi (Ceramiche Cacciagrano), Nicola Di Florio (architetto) e Monsignor Massimo D’Angelo della 
Parrocchia San Rocco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • Accoltellata nel cortile di casa a Francavilla: non ce l'ha fatta Aliona Oleinic

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Sequestro dei macchinari dopo l'incidente mortale sul lavoro, blocco forzato alla Sevel

  • Pensionato a spasso col cane trova un chilo e mezzo di eroina nel parco

Torna su
ChietiToday è in caricamento