menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comunicazione non ostile: il sindaco Pupillo consegna manifesto agli studenti

Un decalogo per contrastare i discorsi incitanti alla violenza e all'odio per le scuole medie e superiori di Lanciano

Il "Manifesto della comunicazione non ostile" in ogni aula delle scuole medie e superiori di Lanciano. Sarà ilsindaco Mario Pupillo a consegnarlo personalmente agli studenti di tutte le scuole medie e superiori di Lanciano, affinché in ciascuna delle 250 aule presenti nel territorio comunale possa essere affisso e conosciuto il decalogo dell'Associazione Parole O_Stili di Trieste scritto e votato da una community di oltre 300 tra comunicatori e blogger per “ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete”.  

Condividere la responsabilità di una comunicazione in Rete fondata su rispetto e civiltà, aumentare la consapevolezza della traccia che si lascia in Rete tramite i social.
 

L'impegno a donare il Manifesto è stato assunto dal Sindaco lo scorso marzo nel corso di una conversazione online molto partecipata sulla pagina facebook pupillosindaco in cui il Sindaco stesso, in risposta ad alcuni commenti offensivi ricevuti il giorno prima in calce al post che annunciava la riapertura delle scuole dopo la chiusura per neve e ghiaccio, invitava alla condivisione online del Manifesto.

Il post di invito alla condivisione del Manifesto - proposto come risposta ai commenti offensivi del post precedente sulla riapertura delle scuole - ha fatto registrare le migliori performance della pagina verificata, con oltre 1000 mi piace, 193 condivisioni, 92 commenti, circa 30.000 utenti raggiunti per oltre 2000 interazioni.

LE PAROLE DEL SINDACO

"Abbiamo ricevuto da subito la completa disponibilità dei Dirigenti e degli studenti: da mercoledì 9 maggio inizierò la consegna direttamente nelle mani degli alunni. Attenzione: non è un tema che riguarda solo ed esclusivamente i ragazzi. Anzi, spesso sono gli adulti a dare il cattivo esempio e a rendersi protagonisti tramite i social di discorsi incitanti all'odio e alla violenza".

I PRINCIPI
1) virtuale è reale, dico o scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona; 2) si è ciò che si comunica, le parole che scelgo raccontano la persona che sono: mi rappresentano; 3) le parole danno forma al pensiero, mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso; 4) prima di parlare bisogna ascoltare, nessuno ha sempre ragione, neanche io. Ascolto con onestà e apertura; 5) le parole sono un ponte, scelgo le parole per comprendere, farmi capire, avvicinarmi agli altri; 6) le parole hanno conseguenze, piccole o grandi; 7) condividere è una responsabilità, condivido testi e immagini solo dopo averli letti, valutati, compresi; 8) le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare. Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido in un nemico da annientare; 9) gli insulti non sono argomenti, non accetto insulti e aggressività, nemmeno a favore della mia tesi; 10) anche il silenzio comunica, se la scelta migliore è tacere, taccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento