menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vietato fumare dentro e fuori l'ospedale, multe e procedimenti per chi non rispetta il divieto

Stop a fumo e sigarette elettroniche sia nei locali aziendali che nelle pertinenze esterne: il neo direttore Schael accoglie la segnalazione di Cittadinanzattiva

Divieto di fumo nei locali della Asl Lanciano Vasto Chieti: un principio che può apparire scontato, ma scontato non è, previsto da norme di civiltà e giuridiche molto precise che tuttavia sono spesso disattese sia dai dipendenti che dagli utenti. Se n’è subito accorto il nuovo direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael il quale, dopo avere ricevuto una segnalazione da Cittadinanzattiva - Tribunale del malato, l’ha subito verificata decidendo così di inviare una circolare a tutte le unità operative aziendali.

La direzione ha ribadito il divieto di fumo o di utilizzo delle sigarette elettroniche sia nei locali aziendali sia nelle pertinenze esterne (ad esempio aree limitrofe agli accessi e percorsi sanitari di collegamento, coorti e cortili interni, balconi, terrazzi, scale antincendio). In tal senso ha chiesto il rispetto della procedura aziendale di regolamentazione antifumo e delle leggi che, tra l’altro, vietano di gettare mozziconi di sigaretta a terra.

Nella circolare, inoltre, si sottolinea che, "oltre alle pene pecuniarie previste per tutti i trasgressori (da 27,50 a 275 euro, raddoppiate qualora la violazione sia commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino a 12 anni di età), la Asl potrà adottare specifici procedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti che contravvengono alle disposizioni antifumo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento