menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le terapie di supporto, la Radioterapia Oncologica di Chieti al congresso nazionale

Ancora una volta, dopo quelle relative alla definizione dei volumi linfonodali e degli organi a rischio, una pubblicazione scientifica di rilievo curata dalla Radioterapia Oncologica di Chieti, ha ottenuto un consenso unanime ed una  diffusione capillare

E’ stato presentato al  28° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica (A.I.R.O) tenutosi al Palacongressi di Rimini dal 2 al 4 novembre scorsi l’ultimo libro dal titolo “Le Terapie di supporto in Radioterapia: una guida pratica, curato dal professor Domenico Genovesi, direttore della Radioterapia Oncologica di Chieti. Si tratta di una pubblicazione scientifica in formato pocket tascabile dche raccoglie tutti gli ultimi aggiornamenti su come rilevare, prevenire  e gestire gli effetti collaterali della Radioterapia in ogni distretto tumorale, dal sistema nervoso centrale all’apparato genito-urinario. 

“Questa pubblicazione scientifica- spiega il professor Renzo Corvò, direttore della Radioterapia Oncologica dell’Istituto Tumori di Genova e coordinatore della Commissione Scientifica della Società Italiana di Radioterapia - rappresenta un aggiornamento sulla genesi, diagnosi, profilassi e terapie degli effetti collaterali indotti dalla Radioterapia. Rappresenta un supporto al paziente da parte sia dei giovani medici in formazione sia dei medici specialisti in Radioterapia. Il testo è completo per guidare il clinico nel riconoscere, gestire e risolvere le principali tossicità correlate ai trattamenti radianti”.

“L’opera - sottolinea la dottoressa Alessandra Mirri, attuale coordinatrice del Gruppo Interregionale AIRO dei Centri di Radioterapia del Lazio, Abruzzo e Molise e Direttore della Radioterapia Oncologica dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma - rimarca il ruolo clinico del medico Radioterapista Oncologo che, oltre a gestire la prorompente evoluzione tecnologica di una Radioterapia sempre più selettiva nel colpire l’organo bersaglio tumorale, deve gestire ed ottimizzare al meglio la qualità di vita dei pazienti cui viene prescritto un trattamento radiante moderno. Questa guida, data la sua completezza, costituisce un riferimento di “buona pratica clinica” da rispettare per avere comportamenti uniformi in tutta Italia sulla diagnosi, prevenzione e gestione delle tossicità da Radioterapia”.

Il libro, che conta su oltre sessanta tra autori e revisori, prevalentemente dei Centri di Radioterapia di Lazio, Abruzzo e Molise, tra cui tutto il Reparto della Radioterapia di Chieti, ha riscosso un successo inatteso essendo stato distribuito a tutti i Centri di Radioterapia italiani, ne è stata richiesta una ristampa e la possibilità di trasformarlo anche in una applicazione fruibile su smartphone, tablet e dispositivi elettronici moderni rappresentando uno strumento estremamente pratico nella clinica quotidiana. 

Ancora una volta, dopo quelle relative alla definizione dei volumi linfonodali e degli organi a rischio, una pubblicazione scientifica di rilievo curata dalla Radioterapia Oncologica di Chieti, ha ottenuto un consenso unanime ed una  diffusione capillare in tutti i Centri di Radioterapia italiani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento