rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Salute

Spedizione sull'Everest, lo studio indaga anche l'impatto dell'alta quota sul liquido seminale

Il professor Liborio Stuppia dell'università 'G. d'Annunzio' di Chieti: "Analizzeremo le variazioni genetiche in risposta all'ambiente"

Si indaga sull'impatto dell'alta quota sul liquido seminale nella spedizione sull'Everest che vede coinvolto il gruppo di ricerca dell'università d'Annunzio, nel'ambito del progetto internazionale 'Lobuje Peak-Pyramid: Exploration & Physiology 2022'.

A parlarne è il professor Liborio Stuppia, ordinario di Genetica Umana dell'università 'G. d'Annunzio' di Chieti. "Il mio gruppo di genetica medica, si occupa di intercettare ed analizzare le eventuali varianti genetiche che si possono manifestare nello sperma maschile a seguito dell'esposizione a particolari condizioni ambientali che possono spaziare dall'alimentazione, al fumo, allo stress. Nel caso di questo studio internazionale condotto in alta quota vogliamo, insieme agli altri colleghi, individuare le modificazioni epigenetiche che potrebbero, da un lato alterare la capacità riproduttiva dell'individuo e dall'altra potrebbero essere trasmesse alla prole generando figli dunque predisposti ad una serie di patologie" ha dichiarato all'agenzia di stampa Dire.

"Giusto per fare un esempio chiarificatore - ha aggiunto l'esperto - già il 'solo' cambiamento dello stile di vita dei genitori sta facendo aumentare, nei bambini, il rischio di sviluppare obesità e diabete in età giovanile. Rispetto ad alcuni anni fa infatti oggi abbiamo una prevalenza di bambini obesi davvero preoccupante. Questo è così vero e i dati lo confermano nel mondo si contano ben 30 milioni, bambini obesi sotto i 5 anni".

Come funzionano i test sul campione di sperma?  "Noi dell'università di Chieti sul campione di liquido seminale raccolto prima della partenza, in vetta e che ci verrà consegnato al ritorno della spedizione, effettueremo nei nostri laboratori, dei test proprio sul dna degli spermatozoi. L'obiettivo è studiare come le condizioni ambientali estreme possano impattare sulla qualità e sulla funzionalità dello sperma. È stato già comprovato, da precedenti studi, come il forte calore ad esempio indotto dalle saune abbia un impatto negativo su i maschi che le frequentano. Nel caso di questo studio entrano in gioco altri fattori come: l'altitudine e l'ipossia che possano dare luogo a modificazioni del liquido seminale. La spermatogenesi  è un processo che si completa in poche settimane, per cui un evento abbastanza circoscritto posso vederlo nel tempo e vedere che andamento segue".

Si tratta, dunque, di uno studio che riflette anche su cambiamenti climatici e denatalità. "Credo che ci sia scarsa consapevolezza e percezione di quanto sia cambiato l'ambiente che ci circonda. Direi che si tratta di una trasformazione drammatica. Capire quali sono i fattori ambientali - ha concluso il professor Stuppia - che possono incidere significativamente sulla natalità è importante visto che in Italia siamo sempre di meno e sempre più vecchi. Questo per dire che tutti gli studi in ambito riproduttivo, come questo, hanno una ricaduta non solo in ambito sanitario ma anche sociale. Sarebbe importante che le istituzioni e la società riflettano su questi le ricadute di tutto questo".

Sono 22 i partecipanti al progetto internazionale 'Lobuje Peak-Pyramid: Exploration & Physiology 2022': nei giorni scorsi hanno raggiunto la base dell'Everest presso la Piramide di Desio, osservatorio e laboratorio internazionale a 5000 metri di quota, dove stazioneranno fino all'8 novembre facendo esperimenti per indagare l'impatto dell'alta quota sul corpo umano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spedizione sull'Everest, lo studio indaga anche l'impatto dell'alta quota sul liquido seminale

ChietiToday è in caricamento