menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Radioterapia oncologica di Chieti selezionata tra i Centri dell'Airo per le raccomandazioni nell’emergenza Covid-19

I Centri di Radioterapia oncologica selezionati hanno condiviso ed implementato numerose soluzioni per ridurre al minimo le interruzioni delle terapie radianti

La Radioterapia oncologica di Chieti + stata selezionata tra i Centri della Società italiana di Radioterapia e Oncologia clinica (Airo) per le raccomandazioni nell’emergenza Covid-19.

Nei giorni scorsi è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Radiotherapy & Oncology”, rivista ufficiale della Società europea di Radioterapia oncologica, un articolo a firma di 18 Centri di Radioterapia Oncologica italiani (Istituto Europeo Oncologia Milano, Modena, Brescia, Sesto San Giovanni/Castellanza, S. Matteo Pavia, Università di Torino, Policlinico Gemelli di Roma, Chieti, Messina, Udine, Cosenza, Firenze, Cuneo, Lucca, Policlinico Umberto I Roma, Federico II Napoli, Policlinico IRCCS S. Martino Genova, San Camillo Forlanini Roma) per conto e sotto l’egida della Società Italiana di Radioterapia e Oncologia Clinica (AIRO) sull’emergenza Covid-19 e sul management della Radioterapia nelle cure oncologiche in Italia nella fase di emergenza.

Il lavoro riporta come i Centri di Radioterapia italiani hanno riorganizzato rapidamente l'attività sui pazienti oncologici nel periodo emergenziale Covid-19 essendo le terapie oncologiche “salvavita” e pertanto sempre mantenute durante tutto il periodo di questa emergenza. I Centri di Radioterapia Oncologica italiani selezionati hanno condiviso ed implementato numerose soluzioni per ridurre al minimo le interruzioni delle terapie radianti. 

Procedure di triage, misure, protocolli e dispositivi di protezione, impiego di tecnologie avanzate di trattamento radiante che hanno permesso di ipofrazionare la dose di trattamento ovvero contrarre il tempo totale di terapia radiante senza alterarne l’efficacia, modalità di “working from home”: una modalità remota da casa permessa dalla tecnologia su alcuni aspetti riguardanti soprattutto la preparazione dei trattamenti radioterapici e il differimento delle visite di controllo post-trattamento radioterapico con contatto diretto telefonico direttamente a casa dei malati oncologici che hanno appena concluso il trattamento radioterapico, hanno permesso un ottimale equilibrio tra la continuità di  cura dei malati di cancro con la Radioterapia e la sicurezza dei pazienti e operatori sanitari.

Questo documento rappresenta un punto di riferimento comportamentale per gli oltre 200 centri di Radioterapia italiani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento