Riconoscimento al direttore dell'Urologia: Luigi Schips premiato a Milano

Il premio PaLiNUro per l'attività in uro-oncologia: viene attribuito dall'associazione “Pazienti liberi dalle neoplasie uroteliali” nata per dare ai malati le informazioni utili per affrontare al meglio il percorso di cura 

"The best per competenza, efficacia e umanità": queste le doti riconosciute al direttore dell'Urologia della Asl Lanciano Vasto Chieti, Luigi Schips, che gli sono valse il Premio PaLiNUro, attribuito dall'associazione “Pazienti liberi dalle neoplasie uroteliali” nata presso l’Istituto nazionale dei tumori di Milano nel 2014 in risposta alla necessità di informazioni dei pazienti e alla mancanza di risorse del personale medico per fare fronte a questa esigenza. 

È costituita da ex pazienti, pazienti e loro familiari, volontari e comunità medica, e si pone l’obiettivo principale di dare ai malati le informazioni utili per affrontare al meglio il percorso di cura. 

Il Premio, così come riportato nella motivazione ufficiale, è stato attribuito a "Un eccellente chirurgo, grande professionista, dalle spiccate doti umane, capace di dare sostegno psicologico ed emotivo nei momenti più difficili, rendendosi indispensabile e di grande aiuto".

L'attività clinica e di ricerca svolta da Schips anche nell'ambito dell'università "d'Annunzio", in qualità di professore di Urologia, ha portato Chieti alla ribalta nazionale e internazionale, sia attraverso pubblicazioni su riviste scientifiche sia in occasione di congressi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riconoscimento è stato attribuito nel corso di un evento formativo, che si è svolto a Milano, dedicato al tema del patient engagement in uro-oncologia, nell'intento di favorire il confronto e la condivisione sul carcinoma uroteliale tra i principali stakeholder coinvolti (compreso il paziente), dalla diagnosi sintomatica al coinvolgimento degli specialisti fino alla fase di riabilitazione fisica e psicologica.  L'obiettivo è mettere a punto strumenti formativi per migliorare modalità e linguaggio necessari per un’efficace collaborazione tra medico e paziente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • Diffondono il panico con il vocale su Whatsapp che accusa il commerciante: denunciati per procurato allarme

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: 160 nuovi casi, positivi salgono a 1293

Torna su
ChietiToday è in caricamento