Venerdì, 14 Maggio 2021
Salute

A Lanciano cure odontoiatriche speciali per pazienti disabili e a rischio

Nel reparto di Odontoiatria, una corsia privilegiata è stata destinata ai soggetti in condizioni di disabilità, intesa come ridotta capacità di autonomia e interazione con l'ambiente sociale, il cui trattamento diventa sensibilmente più complesso in caso di cure odontoiatriche

Investire in risorse umane e organizzazione per rilanciare l’Odontoiatria a Lanciano e caratterizzarla con una forte connotazione sociale: questo il disegno che ha ispirato le scelte della direzione aziendale della Asl Lanciano Vasto Chieti, che ha potenziato l’équipe medica, portata a tre unità, e posto il servizio in condizione di migliorare la propria offerta guardando, in particolare, ai pazienti complessi e alle categorie svantaggiate. Spazio, dunque, alla chirurgia destinata ai disabili e a soggetti in condizioni di gravità per patologie sistemiche o croniche, che devono sottoporsi a trattamenti in anestesia generale e in regime di day surgery.

L’attività è stata illustrata questa mattina all'ospedale Renzetti, nel corso di un incontro cui hanno preso parte il responsabile dell’unità operativa di Odontoiatria, Leonardo Castrignanò, il direttore di Anestesia e rianimazione, Daniela Albanese, il direttore generale, Pasquale Flacco, e il direttore amministrativo Asl, Giulietta Capocasa, il sindaco, Mario Pupillo, il presidente del consiglio comunale di Lanciano, Leo Marongiu, e l’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci.

Viene dunque rilanciata l’attività per pazienti speciali che già in passato rientrava nell’offerta dell’unità operativa, ma che oggi assume maggiore importanza in virtù di una diversa organizzazione e di alte professionalità a disposizione. Una corsia privilegiata è stata destinata ai soggetti in condizioni di disabilità, intesa come ridotta capacità di autonomia e interazione con l'ambiente sociale, il cui trattamento diventa sensibilmente più complesso in caso di cure odontoiatriche. Proprio per questa difficoltà, spesso lo studio dentistico viene interpellato solo in situazioni di urgenza per dolore, gonfiore e traumi. I pazienti “speciali”, quindi, specie se non collaboranti, finiscono col restare fuori da percorsi di prevenzione, incorrendo poi in problemi che richiedono trattamenti lunghi e invasivi, resi ancora più impegnativi dalla scarsa malleabilità psico comportamentale.

L’Organizzazione mondiale della sanità indica come pilastri fondamentali l’igiene orale quotidiana, l’alimentazione corretta e controlli odontoiatrici periodici, che nel caso dei disabili riesce difficile applicare. Di qui, la necessità di inserire il paziente in un programma di prevenzione e mantenimento successivo della salute orale una volta effettuati i trattamenti. Per realizzarlo, l’Odontoiatria di Lanciano ha aperto un canale diretto con tali pazienti, i cui familiari possono prenotare le visite chiamando direttamente il reparto al numero telefonico 0872.706372. Tale domanda di prestazioni è gestita con il criterio della priorità assoluta. Ugualmente, sul fronte operatorio sono messe a disposizione sedute dedicate, grazie anche al convinto supporto offerto al progetto dal nuovo direttore di Anestesia e rianimazione, Daniela Albanese, che ne ha colto il valore sociale e l’importanza strategica per l’ospedale di Lanciano.  

 Ha spiegato Leonardo Castrignanò, responsabile dell’unità operativa: 

La disabilità rappresenta un forte limite per la salute orale: diversi studi mostrano come le persone con disabilità intellettive abbiano più di altre problemi dentali e parodontali fin dall’adolescenza, con elevato rischio di edentulia precoce. Il trattamento di questi pazienti mira alla loro completa presa in carico, attraverso visite preventive e controlli periodici, oltre alla risoluzione di problemi acuti con sedazione, o anestesia generale, e successiva osservazione breve. È fondamentale che tutto questo avvenga in una struttura adeguata, dotata di professionalità qualificate e attrezzature necessarie al monitoraggio costante dei parametri vitali per prevenire le complicanze, operando in breve tempo e possibilmente concentrando  tutte le prestazioni in un unico intervento.

Parole di apprezzamento sono state espresse da Flacco e Pupillo, che hanno messo in luce l’alta qualificazione messa in campo dall’Odontoiatria e l’impatto sociale del progetto per pazienti speciali.

L’équipe dell’unità operativa è composta da Daniele Tartaro, proveniente dall'ospedale Santissima Annunziata di Chieti, Gianni Di Girolamo, approdato a Lanciano dopo una lunga esperienza maturata proprio nel trattamento della disabilità in altri ospedali, e dallo stesso Leonardo Castrignanò.

Attualmente l’Odontoiatria di Lanciano è l’unica in tutto il territorio regionale che offre prestazioni ai disabili in anestesia generale, ponendosi così come punto di riferimento assoluto che pone fine alle migrazioni fuori regione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Lanciano cure odontoiatriche speciali per pazienti disabili e a rischio

ChietiToday è in caricamento