Salute

Una centrale unica del 118 fra Chieti e Pescara: firmata la convenzione

La sede all'aeroporto d'Abruzzo dove gli operatori invieranno il paziente nel presidio più adatto al trattamento. I tempi per l'attivazione della centrale unica saranno brevi

La centrale unica del 118 sarà collocata tra Chieti e Pescara, all'interno dell'aeroporto d'Abruzzo. Ieri è stato stato sottoscritto in Regione il protocollo d'intesa per l'istituzione tra l'ente, la Saga, la Asl Lanciano-Vasto-Chieti e la Asl Pescara. Il documento è stato firmato dall'aassessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, dal presidente della Saga Enrico Paolini e dai direttori generali delle 2 Asl Pasquale Flacco e Armando Mancini.

"Con questo accordo - ha spiegato Paolucci - concretizziamo uno degli obiettivi contenuti nel piano di riqualificazione della sanità regionale, portando il numero delle centrali del 118 da 4 a 2. La centrale unica Chieti-Pescara, nell'ottica del potenziamento della rete di emergenza-urgenza nei territori, migliorerà notevolmente il servizio garantito al cittadino, perché elimina inutili divisioni amministrative tra le 2 aziende sanitarie, facendo risparmiare minuti preziosi nella gestione di patologie tempo-dipendenti, come a esempio traumi, ictus o infarti".

Secondo quanto riferito, l'attuale organizzazione logistica e la rete delle postazioni delle ambulanze non subirà alcun cambiamento: quella che verrà centralizzata sarà la presa in carico del paziente, che potrà così essere trasportato nel presidio più adatto al trattamento della patologia riscontrata, senza perdite di tempo e senza il rischio di ulteriori trasferimenti successivi.

"Questo progetto - ha aggiunto Paolucci - va anche nella direzione dell'integrazione tra i due presidi di Chieti e Pescara per l'istituzione del Dea di secondo livello, e ha un ruolo centrale pure nel piano di gestione delle maxi-emergenze sanitarie, approvato poche settimane fa. I tempi per l'attivazione della centrale unica Chieti-Pescara saranno relativamente brevi, soprattutto perché verranno reimpiegate strutture, tecnologie e personale già in uso alle Asl.

Nel frattempo - ha concluso l'assessore - stiamo lavorando anche per la seconda centrale unica del 118, quella L'Aquila-Teramo (con sede all'Aquila), per la quale sono già disponibili risorse pari a 6 milioni di euro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una centrale unica del 118 fra Chieti e Pescara: firmata la convenzione

ChietiToday è in caricamento