Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Zulli (Art. 1-MdP): "L'amministrazione non si preoccupa del decoro urbano, la città è piena di buche"

In vista delle prossime elezioni, invita a "preparare l'alternativa e mettere insieme le forze progressiste, democratiche, culturali, ambientaliste, del volontariato sociale"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

A nome degli iscritti al circolo teatino di “Articolo 1-MdP” esprimo vivo apprezzamento e totale condivisione per l'interrogazione presentata dal Consigliere comunale di “Chieti per Chieti” Diego Ferrara che ha giustamente richiamato l'attenzione di una amministrazione sciatta e disattenta su uno dei tanti aspetti  che dimostrano la superficialità e l'incapacità di chi sta amministrando ormai da lunghi anni la città, portandola allo sfascio e alla drammatica situazione economica che i cittadini stanno vivendo con preoccupazione.

Alle giuste osservazioni del consigliere comunale Ferrara, vorrei aggiungere anche la necessità di risolvere l'annoso problema delle buche, della segnaletica orizzontale e verticale, l'illuminazione specialmente nelle parti più periferiche della città.

Le buche, la colpevole disattenzione per la mancata riscossione di quanto dovuto da tanti furbetti per l'uso del suolo pubblico, il degrado urbano, dimostrano giorno dopo giorno che la nostra città è allo sbando e che merita una nuova classe dirigente formata da giovani motivati, che amano la loro città e la vorrebbero rilanciare in maniera dinamica.

Le destre teatine, con la pesante situazione economica che hanno contribuito a determinare, hanno fallito ed il ricambio non è più rinviabile.

Il sindaco Di Primio, dopo aver collezionato la terza e ben più pesante sconfitta degli ultimi tempi, ha dichiarato, dopo averle minacciate, che non si dimetterà dal suo incarico.

Quindi, il tempo per preparare l'alternativa e mettere insieme le forze progressiste, democratiche, culturali, ambientaliste, del volontariato sociale per cominciare a discutere dei programmi, c'è. Non si perda più tempo e non si pensi a scorciatoie per tentare di mettere insieme, verticisticamente,  chi ha diverse visioni sullo sviluppo della nostra città.

Le forze politiche più organizzate dovrebbero convocare una conferenza cittadina innanzitutto sui problemi dell'occupazione e delle prospettive di crescita aperta ai sindacati dei lavoratori dipendenti e dei datori di lavoro, alle forze sociali e  a tutti coloro che intenderanno fare la propria parte.

Gli iscritti ad “Articolo 1-MdP” si impegnano  a dare il loro contributo di idee per la rinascita di Chieti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zulli (Art. 1-MdP): "L'amministrazione non si preoccupa del decoro urbano, la città è piena di buche"

ChietiToday è in caricamento