rotate-mobile
Politica

Emergenza segretari comunali: votata all'unanimità la mozione dell'abruzzese D'Alessandro (Italia Viva)

La cronica mancanza era stata sollevata l'estate scorsa anche dal sindaco di Rapino, tra i Comuni a patire questa carenza nazionale

Voto unanime della Camera a favore del deputato abruzzese di Italia Viva Camillo D'Alessandro contro l'emergenza per la mancanza di segretari comunali. In tutta Italia, infatti, mancano circa 1.800 di queste figure, obbligatorie per legge e indispensabili per il regolare andamento dell'attività amministrativa. 

Nella nostra provincia, lo scorso luglio, era stato il sindaco di Rapino Rocco Micucci a sollevare per primo la questione, con una provocazione che aveva fatto molto scalpore. Il primo cittadino del paese alle pendici della Majella, infatti, aveva minacciato di riconsegnare la fascia tricolore, dopo l'ennesima richiesta, rimasta inascoltata, di un segretario per il suo Comune. 

Sei mesi dopo, l'emergenza non è ancora rientrata e anche Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e Uncem (Unione nazionale dei comuni, comunità ed enti montani) hanno denunciato la grave situazione. 

"Attendiamo con fiducia - commenta all'agenzia Dire il segretario nazionale dell'Unscp (Unione nazionale dei Segretari comunali e provinciali), Alfredo Ricciardi -  di vedere un testo normativo che, nell'offrire misure per tamponare la fase emergenziale, dia però anche un chiaro segnale di rinnovato investimento sulla figura del segretario, aumentando le assunzioni finora previste e superando l'obsoleta previsione del limite del turn over dei Segretari all'80%". 

La mozione proposta da D'Alessandro prevede misure per tamponare l'emergenza già nel prossimo decreto Milleproroghe. 

Ma cosa determina, in concreto, l'assenza di un segretario comunale? Di fatto, rischiano di bloccarsi tutte le attività di un Comune. Non può tenersi il consiglio comunale, non possono essere firmati gli atti, né bandite le gare d'appalto, non si possono gestire i contenziosi. Questa figura, inoltre, sovraintende allo svolgimento delle funzioni dei dirigenti e ne coordina l’attività. Nei piccoli Comuni si occupa anche dei rogiti e recentemente ha assunto la carica di funzionario anticorruzione.

Emergenza nazionale per la mancanza dei segretari nazionali

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza segretari comunali: votata all'unanimità la mozione dell'abruzzese D'Alessandro (Italia Viva)

ChietiToday è in caricamento