menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viabilità strade provinciali del vastese, Febbo: "Un teatrino per nascondere l'inefficienza di D'Alfonso"

Il consigliere regionale invita a rispettare le regole del codice degli appalti e soprattutto il ruolo degli enti

“Prima che il Presidente D’Alfonso realizzi l’ennesimo pasticcio amministrativo burocratico, con la conseguenza di ?allungare e paralizzare i? lavori innescando nuovi contenziosi e attriti inutili tra enti territoriali, si fermi mentre l’ente Provincia verifichi immediatamente la corretta procedura per appaltare i 13 milioni di fondi destinati alla viabilità provinciale del vastese”. Questo l'invito del consigliere regionale Mauro Febbo che sottolinea quanto segue: “Il teatrino andato in scena nei giorni scorsi tra il Presidente della provincia Pupillo e alcuni sindaci del vastese somiglia più ad una partita tutta interna al Partito Democratico che alla vera ricerca della risoluzione del problema. Mentre la viabilità disastrata del vastese attende, dopo anni di promesse, interventi certi, oggi assistiamo inesorabilmente ad un siparietto imbarazzante dove si litiga ?per decidere quale stazione appaltante è più veloce ?tra la Provincia ed i Comuni.

Tutto questo mentre concretamente, come ben evidenziato  anche da Pupillo, i finanziamenti ancora non ci sono. Ennesimo pastrocchio nato esclusivamente per volere del Presidente D’Alfonso per nascondere e far passare in sordina la vera notizia: ossia i fondi del Masterplan sono ancora inesistenti ma iscritti solo nelle annualità successive. Inoltre, sempre il Presidente D’Alfonso, per recuperare i tempi lunghi di attesa ha fatto credere ai Sindaci che possono, attraverso i loro uffici, appaltare i lavori al fine di comprimere i tempi di realizzazione. Ricordo – spiega Febbo – come questi finanziamenti destinati alla viabilità sono F?ondi per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020 e quindi condizionati e regolamentati da procedure amministrative ben precise e non credo che i Comuni, specialmente quelli di piccole dimensioni del medio e alto vastese, possano affrontare e supportare procedure di appalto per milioni di euro. Mi risulta che solo la Provincia può in questo caso essere la stazione appaltante senza  demandare ad enti più piccoli che hanno, tra l’altro, tutti la CUC (Centrale Unica di Committenza) in convenzione. Inoltre tutti sappiamo come i Comuni sono senza fondi e quindi incapaci di pagare prima il 5% per la progettazione, figuriamoci erogare e quindi anticipare il 20% alle imprese aggiudicatarie per l’avvio dei lavori. Pertanto – conclude Febbo – si eviti fughe in avanti e invito D’alfonso a rispettare le regole del codice degli appalti e soprattutto il ruolo degli enti chiamati a rivestire specifiche competenze territoriali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento