rotate-mobile
Politica

"Il treno veloce per Roma c'era già, l'inaugurazione una farsa": le accuse di D'Alessandro (Italia Viva)

Il presidente regionale del partito di Renzi spiega che la tratta "c'era già dal 2016 ed era scritto nel contratto rinnovato da noi con Trenitalia, che prevedeva un ingresso e un uscita su Roma Termini (3 ore e 10 minuti)"

"I treni per Roma c'erano già". Così il presidente regionale di Italia Viva, Camillo D'Alessandro, commenta il viaggio inaugurale della tratta ferroviaria gestita da tua da Pescara centrale alla Capitale, con fermata anche a Chieti e parla di "farsa" puntando il dito contro il governo regionale.

"Il treno 'veloce' Pescara-Roma c'era già dal 2016 ed era scritto nel contratto rinnovato da noi con Trenitalia, che prevedeva un ingresso e un uscita su Roma Termini (3 ore e 10 minuti). Non servono né super treni nuovi, non c'entrano nulla, né gli ambulanti in conferenza stampa permanente, ma banalmente il treno guadagna una tratta, in entrata e in uscita, da Lunghezza davanti ai treni regionali del Lazio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il treno veloce per Roma c'era già, l'inaugurazione una farsa": le accuse di D'Alessandro (Italia Viva)

ChietiToday è in caricamento