Politica

Le tasse a Lanciano restano alte, i Verdi: "E' una follia"

"Troppi cittadini costretti a decidere se mangiare o pagare le tasse o le bollette - dice Caporale - tenerle ancora al massimo è una follia, ecco perchè mi sono astenuto sull’assestamento di bilancio”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Dichiarazioni di Alex Caporale, Consigliere Comunale, Movimento “Ecologisti e Reti Civiche”:

“Il Consiglio Comunale di Lanciano del 30 Luglio 2012 (con il voto contrario del sottoscritto e dopo aver bocciato 5 emendamenti del sottoscritto) ha deciso di portare le tasse comunali al massimo (IRPEF al massimo, IMU per seconde case, attività comemrciali, artigianali, ecc..al massimo, TARSU, tassa rifiuti, aumentata del 52% - cui si aggiunge la richiesta dei pagamenti ICI per gli anni 2009, 2010, 2011 per i terreni che hanno cambiato la destinazione d’uso): una batosta per i nostri cittadini. Non esistono mezzi termini.

Con la interrogazione presentata dal sottoscritto, chiedevo di dare seguito alle aperture per un abbassamento delle tasse comunali manifestate precedentemente da Sindaco e Assessori in seguito alla manifestazione di cittadini del 14 Luglio 2012 e l’incontro con i cittadini del 26 Luglio 2012: niente da fare, le tasse comunali restano e resteranno alte. Forse, l’anno prossimo...si vedrà.

A nulla sono valsi i tentativi del sottoscritto che, riportando i dati pubblicati ai primi di Novembre (e di cui ho consegnato copia) che ci dicono che Montesilvano ha il 4xmille per la prima casa, il 7,6 per la seconda e terza casa e immobili commerciali e produttivi (Lanciano, 5xmille prima casa, 10,6 per seconda e terza casa e immobili commerciali e produttivi, ndr), Pescara scende da 4 a 3,5xmille per la prima casa (il risparmio per questo abbbassamento di mezzo punto è di circa 100 euro a famiglia) e da 10,6 a 10,25 seconde e terze case (qualche altra decina di euro di risparmio per le famiglie): e ancora, Giulianova, Roseto, Alba Adriatica al 4 per mille prima casa (Tortoreto 4,5-Teramo 4,6-Pineto e Silvi 4,8) mentre per secoda casa e immobili commerciali e produttivi Roseto 7,6, Alba Adriatica 9,1, Tortoreto 9,2, Martinsicuro 9,6 (mentre Teramo, Giulianova e Silvi al massimo come Lanciano), chiedeva di portare accorgimenti per far restare qualche soldo in più nelle tasche dei cittadini.

Come hanno fatto questi Comuni a tenere più basse le tasse comunali? Pescara, ad esempio, è scritto, ha tagliato molte voci di spesa ed azzerato (NB: azzerato) il fondo per i premi di risultato ai Dirigenti Comunali (premio di risultato che si và ad aggiungere ad uno stipendio medio dei Dirigenti Comuanli già di 50.000/70.000 euro annui-al sottoscritto non sembra così grave, in un momento di forte crisi economica, chiedere a tutti di fare ..). Solo facendo questo, nelle tasche dei pescaresi, resteranno quasi 200 euro in più (spesa alimentare per un mese, scusate se è poco).

Il Comune di Lanciano, senza valutare alcuna ipotesi e senza intraprendere alcuna azione per cercare di tenere ai livelli minimi le tasse comunali come ad esempio, tagliare qualche spreco, azzerare qualche capitolo di spesa, ottimizzare gli acquisti, intraprendere qualche inizaitiva per far entrare qualche soldo come fondi europei, 5xmille da destinare ai servizi sociali, ecc.., senza tener conto della relazione ISTAT del primo trimestre 2012 che ci dice che la disoccupazione da 8,8% a 12,8%, PIL meno 2,1%, produzione industriale meno 3,5%, fatturato meno 5,6%, ordini interni meno 6,2%, export più 1,3% , senza tener conto della iniziativa che lo stesso Comune di Lanciano ha intrapreso istituendo lo , senza considerare gli ultimi dati sull’artigianato (in Abruzzo hanno chiuso 613 imprese artigiane), porta le tasse comunali al massimo.

Una follia. Fuori dal mondo reale. Ecco perché mi sono astenuto sull’assestamento di bilancio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le tasse a Lanciano restano alte, i Verdi: "E' una follia"

ChietiToday è in caricamento