menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio gettoni di presenza dei consiglieri, il centrodestra: "Sindaco e assessori cosa fanno?"

Gli esponenti minoranza ricordano al sindaco Ferrara che "gli intenti veri vanno messi sugli atti ufficiali, specialmente quelli di natura contabile"

“Apprezziamo la proposta del presidente Febo che di concerto con tutti i capigruppo consiliari del Comune di Chieti ha recuperato nello spirito e nella forma, l'iniziativa  che già dall’anno 2015 la precedente amministrazione di centrodestra aveva promosso, riducendosi gli emolumenti del 7%+7%; devolvendo quindi una parte degli emolumenti per far fronte alle necessità di chi oggi in città si trova in difficoltà". 

Questo il commento dei consiglieri di minoranza dopo il taglio dei gettoni di presenza che si rivolgono al sindaco Diego Ferrara e alla sua giunta. "Non si evidenzia un passaggio politicamente fondamentale che è opportuno precisare - scrivono i consiglieri - nell’atto di consiglio comunale sarà dettagliato oltre che la riduzione applicata del 7%+7%  anche la finalità della devoluzione ma soprattutto il conto corrente di destinazione, quindi i fondi saranno vincolati ad uno scopo ben preciso e gli importi facilmente quantificabili. Attendiamo che sulla stessa linea si uniformi anche la giunta, considerato che la loro delibera (n.19 del 10.11.2020) ,non prevede una riduzione del 7%+7% come attivata dai consiglieri comunali  ma solo un aumento del 7% , non specifica inoltre alcuna volontà di devolvere l’aumento dell’indennità applicato e neanche la indicazione del fondo vincolato".

I consiglieri di Lega, Fratelli d’Italia e Unione di centro poi si rivolgono al sindaco Ferrara che "qualche giorno dopo, ha cercato di giustificare con un 'faremo' o 'destineremo' ma noi tutti riteniamo che gli intenti veri vanno messi sugli atti ufficiali, specialmente quelli di natura contabile, perché 'verba volant scripta manent'. Dobbiamo comunque prendere atto che, se non ci fosse stata la nostra vibrante protesta e l'indignazione dell'opinione pubblica teatina, probabilmente questa azione non sarebbe stata presa in considerazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento