← Tutte le segnalazioni

Altro

Stefano Di Renzo è il nuovo coordinatore provinciale del Popolo della famiglia

Stefano Di Renzo è il nuovo coordinatore provinciale di Chieti del Popolo della Famiglia. 40 anni, infermiere nella Asl Lanciano Vasto Chieti, teatino da diverse generazioni, da sempre attivo nella politica locale nell’area moderata del centrodestra. Attivista da oltre 10 anni nel Movimento della Vita, ha sempre voluto dedicarsi alla difesa dei valori della vita e della famiglia. Dal 2010 al 2015 è stato componente del consiglio di amministrazione di Chieti Solidale. Successivamente, proprio a metà degli anni 2010 ha aderito al NuovoCentroDestra, diventandone il coordinatore cittadino di Chieti. Ha lasciato dopo un anno circa, in forte dissenso con le politiche nazionali adottate dal partito soprattutto in ambito valoriale, totalmente opposte alle idee fondative del soggetto politico stesso.

Attivo da molti anni nello sport, riveste il ruolo di direttore generale del Città di Chieti, società di Futsal e Calcio, distintasi negli ultimi anni per i meriti sportivi e arrivata a portare il nome della città anche a livello nazionale.

“Ringrazio - commenta - tutti gli amici del Popolo della Famiglia per la fiducia, i coordinatori regionali Diego Ciancetta, Rocco Cipollone, Federica Lupi e naturalmente il Coordinatore nazionale Mirko De Carli. Abbiamo vissuto una intensa campagna elettorale qui a Chieti. Adesso ci sono importanti appuntamenti ai quali dobbiamo prepararci ma soprattutto far conoscere sempre di più, sul territorio, la nostra proposta valoriale, di idee e visione della società”.

Il Popolo della Famiglia, continuando il suo percorso di crescita e sviluppo territoriale, con Stefano Di Renzo nuovo coordinatore provinciale Chieti, ha l'obiettivo di coinvolgere nuovi iscritti attivi e simpatizzanti per radicarsi in tutto il territorio teatino ed essere presenti nelle diverse competizioni elettorali 2021. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
ChietiToday è in caricamento