Spiagge libere, i sindaci alla Regione: "Rischiano la chiusura: non lasciate soli i Comuni"

L'ente, durante la riunione odierna, ha deciso di derogare ai comuni la gestione delle spiagge libere abruzzesi

La stagione balneare è alle porte e i sindaci dei comuni marittimi chiedono alla Regione di non abbandonarli. Un appello ribadito a margine della riunione di stamani con sindaci e assessori della costa abruzzese, assieme ai rappresentanti della Direzione Marittima -Guardia Costiera di Pescara e delle Capitanerie di Porto, convocata dagli assessori regionali Mauro Febbo e Nicola Campitelli.

Durante l'incontro il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, è intervenuto anche a nome dell’Anci Abruzzo: “La situazione è seria – ha commentato – e lo è in particolare per le spiagge libere che ad oggi non ancora si sa come dovranno essere gestite. Una cosa è certa: i Comuni non sono nelle condizioni economiche per  poter accollarsi le spese del controllo e della sicurezza sulle spiagge. Non abbiamo personale che possa farlo, i vigili stagionali non possono essere assunti, se non nel rispetto di un determinato tetto della spesa previsto dalla legge, né è pensabile che si affidi a ditte private questo servizio perché non abbiamo i soldi per pagarle. I Comuni hanno molte  spiagge libere e questo va tenuto in considerazione da Governo e Regione perché altrimenti rischiamo di farle chiuderle”.

Tutti i sindaci presenti hanno manifestato le stesse preoccupazioni proponendo una serie di soluzioni che possano da una parte aiutare nella gestione della spiaggia libera e dall’altra supportare le difficoltà anche dei balneatori che ora si troveranno, per il rispetto del distanziamento sociale, ad avere meno clienti nella loro concessione.

“Sarebbe auspicabile ad esempio – prosegue Di Giuseppantonio – che ai balneatori sia concessa in deroga, in via del tutto eccezionale e solo per il 2020, una porzione di spiaggia libera, a loro limitrofa laddove presente. Questo consentirebbe loro di recuperare gli spazi persi per il rispetto del distanziamento sociale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta, avanzata e accolta anche dalla Regione Abruzzo e dai sindaci presenti, tuttavia necessita di una serie di provvedimenti autorizzatori da Governo e Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento