menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinghiali, Montepara: "Ordinanza adottata a maggio 2015, nessuno ci diede ascolto"

Il sindaco di Orsogna interviene sull' emergenza cinghiali, un problema avvertito in città da almeno tre anni

"L'ordinanza per autorizzare la cattura o l’abbattimento dei cinghiali il Comune di Orsogna l’ha approvata il 2 maggio 2015 e l’ha comunicata a Provincia e Prefettura di Chieti, chiedendone l’aiuto concreto e affidando la gestione dell’intervento alla Polizia provinciale. Nulla è stato fatto in tutto questo tempo, anzi, dalla Provincia ci risposero che non era di loro competenza. Mi auguro che i 43 sindaci, che hanno approvato ora un’analoga ordinanza, sveglino chi sarebbe dovuto intervenire da anni e ha la responsabilità di non avere fatto nulla. C’è un ritardo drammatico, i cinghiali ormai circolano indisturbati in branchi nei nostri centri urbani e lungo le strade, causano danni alle colture. Ci sono già state delle vittime, mi chiedo cosa ci sia ancora da riflettere e decidere". Dure le parole del sindaco di Orsogna, Fabrizio Montepara, su un problema che in paese ha cominciato a porsi in termini evidenti almeno da gennaio 2013, da quando le segnalazioni allarmate dei cittadini sono cresciute in maniera esponenziale.

"Le attività cosiddette di 'selecontrollo' avviate per un breve periodo soltanto nell'estate 2014 non hanno eliminato il problema che - ricorda Montepara - trova origine in particolare nella vasta zona assoggettata a divieto venatorio e coincidente con l'area cinofila permanente denominata "Orsogna-Guardiagrele-Castelfrentano", dove gli animali trovano rifugio, riparo e habitat adeguato negli ampi terreni incolti che la caratterizzano, al riparo dalla pressione venatoria ordinaria nei pochi mesi di apertura della caccia collettiva".

Lo stesso sindaco racconta che nei giorni scorsi ha evitato davvero per poco un branco di cinghiali, percorrendo in automobile la strada provinciale che collega Ortona a Orsogna. Incontri ormai quotidiani per i cittadini.

"Spero che la Regione Abruzzo assuma un’iniziativa decisa per trovare soluzioni immediate - conclude Montepara -. Va bene cercare di ricostruire un equilibrio nella natura e nel rapporto che noi esseri umani abbiamo con essa, ma qui la situazione è urgente ed è scappata di mano, bisogna fare qualcosa, subito, e noi le proposte le abbiamo fatte e ci siamo messi a disposizione. Se ci sono altre idee, bene, ma che arrivino subito e si mettano in atto, altrimenti vuol dire che si sta ancora e solo perdendo tempo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento