menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, Taglieri (M5S): "L'assessore Verì conferma che in Asl 2 i lavoratori sono a rischio"

Il vicepresidente della Commissione Sanità regionale evidenzia "le gravi carenze sul controllo dei rischi lavorativi da parte dell'Azienda sanitaria"

"L'assessore alla sanità Nicoletta Veri', in risposta a una mia interpellanza, ha confermato tutti i nostri dubbi in merito alla palese carenza di attenzione, da parte della Asl 2 Lanciano Vasto Chieti, sullo stato di salute dei lavoratori". A dichiaralo è il consigliere regionale M5s Francesco Taglieri, vicepresidente della Commissione Sanità di Regione Abruzzo, a seguito dell'interpellanza esposta nel corso della seduta del Consiglio tenutasi ieri a Palazzo dell'Emiciclo.

"L'azienda - spiega Taglieri - non è a conoscenza di quali siano i rischi a cui ogni unità di personale va incontro sul posto di lavoro. Questo espone a gravi pericoli i lavoratori, che iniziano una particolare mansione in apparente buono stato di salute, per poi però rischiare di avere danni evidenti col prosieguo dell'attività lavorativa. La carenza e le omissioni su quanto disciplinato dal decreto legislativo 81/08 non sono più tollerabili”.

Il vicepresidente della Commissione Sanità regionale sottolinea una forte carenza "sull'adozione del documento di valutazione del rischio, che a norma di legge è una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Ciò è necessario per individuare quali operatori debbano essere sottoposti a sorveglianza sanitaria nello svolgimento del proprio compito. Ogni datore di lavoro dovrebbe sapere, per filo e per segno, quali sono i pericoli che si corrono. Soprattutto ho voluto focalizzare la mia attenzione, e quella del Consiglio, sulla fascia di lavoratori dichiarati idonei parzialmente o con prescrizioni. È dovere dell'Azienda dare seguito al giudizio dei medici e comportarsi di conseguenza a tutela della salute del lavoratore, trovando le soluzioni migliori per proteggere il suo buono stato di salute ed invece - aggiunge - assistiamo a costanti dislocazioni in reparti o uffici, dove le mansioni per cui il lavoratore e' risultato parzialmente idoneo non viene affatto svolta. Chi invece ha la sfortuna di non essere trasferito, rimane sempre più isolato a supplire le assenze. Tutto questo è un facile preludio all'aumento di infortuni, malattie professionali e possibili riflessi sulla responsabilitè di eventuali danni a pazienti".

“Con la risposta di oggi – conclude – l'assessore Verì ha messo in mostra la palese violazione di quanto previsto dal decreto legislativo 81/08 da parte della Asl 02. Ciò significa che la tutela dei lavoratori e il loro stato di salute è costantemente a rischio, mentre certi furbetti sono lì ad approfittare di una norma che non viene applicata regolarmente”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento