menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Vito Chietino: "Vogliono chiudere Zona 22"

Il Comune ha invitato a sgomberare i locali del Centro Sociale entro dieci giorni. I ragazzi chiedono un confronto pubblico per salvare la più importante esperienza di autogestione dal basso della provincia

Il comune di San Vito ha invitato, tramite raccomandata, a sgomberare i locali del Centro Sociale Zona Ventidue entro dieci giorni.

Circa tre anni fa l’occupazione dei locali dopo la negazione dell’assegnazione. Anni di collaborazioni con le scuole, convegni con personaggi e intellettuali, iniziative legate al rispetto per l’ambiente:  esperienze di pubblica utilitàche hanno portato a San Vito migliaia di persone.

“Se il problema è il fatto che siamo in occupazione, esso è di facile soluzione – spiegano i ragazzi di Zona 22 in una nota pubblica - basterebbe infatti riconoscere il lavoro di pubblica utilità svolto assegnando il posto alle associazioni che se ne sono occupate finora. Forse non è così, forse il problema è politico, perché Zona 22 si intromette nelle scelte amministrative e le contesta quando esse non hanno né capo né coda. Forse è una questione personale, una sorta di invidia nei confronti di chi, a differenza degli amministratori, riesce a portare a termine i propri obiettivi. Forse è una questione ideologica, per chi ha nostalgia dei tempi bui fortunatamente andati”.
 

Strade possibili ci sono per andare avanti, suggerisce Lino Salvatorelli dell’ Arci provinciale: “Il comodato d'uso gratuito, la condivisione progettuale - dice- ma non  permettiamo che Zona 22 torni ad essere un discarica abbandonata. I ragazzi creatori di Zona 22 sono stati protagonisti di una esperienza unica e meritevole e hanno più volte chiesto di regolarizzare la loro posizione presentando concreti e fattibili progetti, con scarsissima risposta da parte degli enti responsabili. Se nelle loro iniziative ci sono delle irregolarità, queste vengano sanate, ma non venga distrutto tutto".

Da Zona 22 fanno sapere di essere pronti a un confronto pubblico con l'amministrazione e la cittadinanza.


ZONA 22- Nasce nel 2002 come circolo nella sede di Rifondazione a San Vito. Poi la decisione di staccarsi dai partiti e operare in uno spazio autogestito alla marina: il Centro Sociale Arrembaggio, importante anche perché nel 2009 divenne il centro di raccolta per gli aiuti ai terremotati dell’Aquila. Nel 2010, causa spese per l'affitto, il gruppo chiede l’aiuto dell'amministrazione per uno spazio comunale ma non è possibile. L’anno dopo l’occupazione dello spazio pubblico alla Marina, la richiesta negata di eventuale assegnazione fino alla decisione dell’amministrazione comunale attuale, pochi giorni fa, di far sgomberare il centro sociale che rappresenta la più importante esperienza di autogestione dal basso che la provincia di Chieti possa annoverare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento